scarica l'app
MENU
Chiudi
28/04/2020

La manovra varrà 150 miliardi Standard & Poor’s risparmia l’Italia

Il Piccolo di Trieste - Alessandro Barbera

Il giudizio rimane a soli due punti dal livello "spazzatura" Ma con una nuova chiusura il Pil perderebbe altri 2,3 punti
Alessandro Barbera / ROMA«Verranno tempi migliori». «Il recupero non sarà breve». «Il rientro del debito avverrà nel corso del prossimo decennio». Per comprendere le dimensioni del «cigno nero» che si è abbattuto sull'Italia basta scorrere il Documento di economia e finanza e la relazione al Parlamento che stravolge anni di prudenza fiscale. Il 29 o il 30 aprile il governo approverà un decreto da cinquantacinque miliardi di euro ai quali si aggiungeranno altri cento miliardi per rifinanziare la Cassa depositi e prestiti e le garanzie necessarie alle banche per salvare le imprese. Due mesi di lockdown costeranno all'economia un crollo del Pil di otto punti percentuali, il peggiore dal Dopoguerra. Quest'anno i consumi caleranno del 7, 2 per cento, i redditi del 5, 7, gli investimenti del 12, 3. Oggi - e solo oggi - il minor male è l'aumento del debito, e lo dicono persino le severe agenzie di rating. Moody's conferma il giudizio sull'Italia, Standard and Poor's anche: per la prima i titoli italiani sono già ad un gradino dal giudizio junk (spazzatura) , alla seconda ne mancano due. Il baratro è di nuovo dietro l'angolo: per evitare speculazioni sui mercati e una spirale finanziaria la Banca centrale europea si è già attrezzata accettando a garanzia dei suoi prestiti anche quel tipo di titoli. Sono tempi cupi, e si vive alla giornata. Per la prima volta da un paio di lustri il Documento di economia e finanza ferma l'orizzonte a Natale invece dei soliti tre anni. La speranza del Tesoro è che l'autunno non porti con sé nuovi contagi. Il Def si prepara anche a questa ipotesi: se con l'arrivo dei freddi fossimo costretti ad un nuovo lockdown la ricchezza perderebbe altri 2,3 punti quest'anno e 1,2 il prossimo. Se la faccenda assumesse le stesse dimensioni globali di oggi, il prezzo salirebbe a 2,7 punti oggi e 2,4 nel 2021. Per essere più chiari: altri due mesi di blocco farebbero scendere il Pil in un solo anno di oltre dieci punti. Nel 1945 l'Italia devastata dalle bombe alleate non arrivò a meno nove. La mano pubblica oggi è la soluzione emergenziale ad un disastro che si spera spento con le piogge primaverili, ma nella maggioranza c'è chi si spingerebbe persino oltre i confini già superati. Ieri al Tesoro sono volate di nuovo parole grosse fra il ministro del Tesoro Roberto Gualtieri e la sua vice dei Cinque Stelle Laura Castelli. Il congelamento sine die del patto di stabilità europeo concede lo spazio per eliminare una volta per tutte l'eredità degli aumenti Iva delle cosiddette clausole di salvaguardia, il cappio che ha impedito più volte manovre in deficit o per ridurre le tasse. Grazie a questa decisione - scrive il Def - la pressione fiscale nel 2021 scenderà dall'attuale 41,8 per cento al 41,4. In queste ore l'ex presidente della Commissione economia del Parlamento europeo spiega a tutti che si impone un minimo di prudenza: se ne avvantaggerà anche la trattativa in corso a Bruxelles sui cosiddetti "recovery bond". Su questo Standard and Poor's manda un messaggio molto preciso: se dopo la fine dell'emergenza l'Italia non si metterà sulla chiara via di un calo del debito, il taglio del rating sarà certo. Per migliorare il giudizio sull'Italia - oggi in prospettiva negativa - ci vorrebbe quantomeno "un miglioramento delle stime di crescita". Ecco perché nella maggioranza giallorossa ora si discutono ipotesi impensabili fino a poche settimane fa: un decreto con drastiche semplificazioni e in deroga al codice degli appalti. Misure eccezionali per tempi eccezionali. --© RIPRODUZIONE RISERVATA