scarica l'app
MENU
Chiudi
31/05/2019

La Lega: sospendere il Codice appalti

Gazzetta del Sud

Replica la Cgil: così si inviterebbe la mafiaa parteciparea ogni bando
Uno stop «sperimentale» per dare fiato agli investimenti
Marianna Berti ROMA La Lega rilancia, imprimendo una svolta al decreto sblocca cantieri.È lo stesso Matteo Salvini che annuncia un nuovo emendamento al testo, proponendo uno stop di due anni ad alcune delle norme chiave del Codice degli appalti. Una «sospensione sperimentale» per dare fiato agli investimenti, si spiega.È così che saltano le soglie peri subappaltie vengono rivisti gli importi massimi sotto cui non serve la gara. «Mi auguro che che non ci siano preclusioni politiche né dalle opposizioni né dalla maggioranzaa sbloccarei cantieri», dice il vicepremiere ministro dell' Interno mentre torna a dire sì alla Tav. I sindacati non tardano peròa reagire. «Stiamo ufficialmente dicendo alla mafia di accomodarsi in ogni appalto», attacca la Cgil. Le novità avanzate dalla Lega colgono di sorpresa anche molti parlamentari, visto chei termini per gli emendamenti dei gruppi erano scadutiec' era posto solo per aggiunte concordate dal governoo dai relatori dei due partiti azionisti dell' esecutivo. Una riformulazione ha però permesso di riaprirei giochi su un decreto che si pensava pressoché chiuso, pronto ad essere licenziato dall' Aula del Senato. Invece, viste le novità sopraggiunte,l' esamea palazzo Madama riprenderà solo martedì. Il testo della Lega, lungo cinque pagine, riscrive il Codice degli appalti in numerosie sostanziali passaggi. Innanzitutto salterebbe il tetto del 30% peri subappalti, tornando così alla normativa europea, più elast ica. Verrebbero poi modificati le soglie perl' affidamento degli appalti, con la procedura negoziata prevista per somme soprai 150 mila euro, mentre la procedura ordinaria scatterebbe oltre il milione. Sarebbero inoltre alleggeriti gli obblighi in capo ai comuni non capoluogo in fatto di centralizzazione degli acquisti.