scarica l'app
MENU
Chiudi
31/05/2019

La Lega rilancia Tav: «Impossibile rifiutarla con i fondi Ue al 55%»

Il Sole 24 Ore

torino-lione
Tria si schiera al fianco del Carroccio: «Sono sempre stato favorevole all'opera»
«I nostri contatti con Ue dicono che possono arrivare buone notizie sugli investimenti, le grandi opere, la Tav. Se la quota di partecipazione di investimento dell'Ue dovesse aumentare fino al 55 per cento sarebbe evidente che diventerebbe vantaggioso completare una opera fondamentale. Se da Bruxelles verranno confermate le voci, ci saranno altre centinaia di milioni di euro». Così ieri il leader leghista Matteo Salvini ha rilanciato sulla Tav. «Sarebbe evidente - ha continuato Salvini - che qualsiasi ulteriore analisi costi benefici direbbe che è assolutamente utile, vantaggioso e doveroso completare questa opera che ha avuto nel voto europeo e regionale il via libera di più dell'80% degli elettori piemontesi».

Ieri nessuna voce si è levata dal Movimento Cinque stelle per difendere la tesi opposta.

Dal governo solo la presa di posizione del ministro dell'Economia Giovanni Tria (che ieri ha incontrato al ministero dell'economia il capo leghista insieme ai suoi più stretti collaboratori). A chi gli faceva notare che il vicepremier Matteo Salvini ha chiesto nuovamente di accelerare sulla realizzazione dell'opera, Tria ha risposto: «Sono sempre stato d'accordo».

Poi, riferendosi al lavoro da fare per l'esecutivo, Salvini ha messo in chiaro: «Non questiono sul Governo e sulle vicende giudiziarie ma - ha aggiunto - se qualcuno mi dicesse: "No, la riduzione fiscale può attendere, no, la nuova pace fiscale può attendere, no, il codice degli appalti va bene cosi com'è, no ai rifiuti, continuiamo a mandarli in Olanda e in Germania, no alla Tav anche se ci danno più soldi e i piemontesi hanno votato "non la vogliamo": un no, due, tre, quattro, cinque sei no...». Interpellato ancora in conferenza stampa, ha aggiunto: «Ma io sono ottimista, penso che dai M5S arriveranno tanti sì. Mi auguro che arrivino tanti sì per Di Maio riconfermato capo politico sulla piattaforma Rousseau e di conseguenza arrivino una marea di sì per far ripartire questo splendido Paese. Sono ottimista per natura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA