scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/03/2021

La Guardia di Finanza sequestra atti nella sede dell’ Asp

Gazzetta del Sud

Svolta nell' inchiesta sull' azienda sanitaria
C'è anche un altro esposto presentato da tre funzionari
Nuccio Anselmo ME SSINA Sono rimasti parecchie ore, ieri mattina,i sei finanzieri, nella sede dell' Asp di via la Farina.E dopo aver esibito un decreto di sequestro di atti su delega della Procura hanno acquisito una mole di documentane sulla" vita" dell' ente sanitario degli ultimi mesi,e non solo. Perchéa quando pare il tema della visita dei finanzieri negli uffici dell' Azienda sanitaria provinciale ha fatto riferimento sia alla gestione dell' emergenza coronavirus dell'anno scorso, una vicenda quindi più datata, ma soprattutto alle controversie interne dell' appalto di fornitura dell' energia elettrica, che aveva registrato tral' altro la presentazione di più esposti alla magistratura da parte di alcuni funzionari, nelle scorse settimane. Per il rinnovo dell' appalto di fornitura dell' energia elettrica, che strada facendo siè poi trasformato in un appalto di manutenzione di tutte le sette strutture di competenza dell' Asp, si erano registrate forti contrapposizioni tral' ormai ex dg Paolo La Pagliae alcuni funzionari. Nelle scorse settimana era" scoppiato" il caso dell' ormai famigerato appalto da oltre dieci milioni di euro per la forniturad' energia elettrica, con il" ballott aggio" tra Engie ed Edison, chel' aveva visto contrapposto al direttore amministrativo Katia Di Blasi, che il dg aveva sospeso per sei mesi. La Di Blasi su questa vicenda ha poi presentato un ricorso al giudice del lavoroe anche un esposto in Procura, inoltrandolo anche alla Corte dei conti, con una lunga serie di allegatia sostengo della sua tesi:l' appalto era da siglare con la Edison, partner riconosciutoa livello nazionale dalla procedura Consip,e non si poteva rinnovare perl' ennesima volta con la Engie, il precedente contractor, come avrebbe voluto invece fare il dg dell' Asp La Paglia. Mac'è un altro esposto arrivato in Procura chei magistrati stanno valutando in questi giorni,e che forse potrebbe essere una della" concause" del sequestro di atti avvenuto ieri. Lo hanno depositato gli ingegneri Salvatore Trifilettie Giovanna Pellegrinoe la funzionaria Rosa Mangano, rispettivamente direttore, dirigente ingegnere e dirigente amministrativo dell' Uoc tecnico dell'As p. L' incipitè emblematico, poi seguono diciotto paginee una lista infinita di allegati per supportare tutto: «... avuta recente notizia- scrivonoi tre funzionari -, attraverso gli organi di stampa, di una indagine con oggetto il contratto Multiservizio tecnologico con fornitura di energia per gli immobili sede dei presidi ospedalieri dell'Asp di Messina, al fine di offrire un personale contributoe consentire di far chiarezza su fatti caduti sotto la propria diretta cognizione, oltreché di propria competenza, rappresentano quanto segue». Ed ecco un passaggio-chiave del loro esposto sulle procedure adottate dall' Asp per la rinnovazione del contratto: «Giova richiamare l'attenzione sul fatto che, nonostante l'iter procedurale fosse stato avviato già nel marzo del 2019e gli scriventi, ing. Salvatore Trifilettie Giovanna Pellegrino, rispettivamente Supervisoree Rup, fossero preposti al trattamento della pratica, per avere la stessa ad oggetto la manutenzione degli impianti ospedalieri, solo con la richiamata nota dell'ottobre 2019, gli stessi avevano avuto conoscenza dell' attività da mesi posta in essere, non essendone stati in precedenza resi edotti, neanche solo "per conoscenza"». Ed ancora, un altro inciso emblematico: «Appare utile segnalare che la suddetta proposta deliberativa (l' adesione in base alla convenzione Consip Mies2 con il nuovo partner Edison,n.d. r.) nonostante fosse stata sottoscritta da ben cinque dirigenti dell'Azienda (il dirigente amministrativo Uoc Tecnico, Rosa Mangano, il rupe dirigente dell' Uoc Tecnico, ing. Giovanna Pellegrino, il supervisoree direttore dell' Uoc Tecnico, ing. Salvatore Trifiletti, il direttore amministrativo dell' Azienda, dott.ssa Catena Di Blasie il direttore sanitario dell' Azienda, dott. Bernardo Alagna), nonè stata adottata dal direttore generale». © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: «L' adesione con il nuovo partner Edison nonostante fosse stata sottoscritta da ben5 dirigenti non fu adottata dal dg La Paglia»


Foto: La sede dell' Asp5 Ieriè stata" visit ata" dai finanzieri per un sequestro di atti