scarica l'app
MENU
Chiudi
22/07/2020

LA GARA ANCONA Servizio logistico per la distribuz…

Corriere Adriatico

LA GARA
ANCONA Servizio logistico per la distribuzione dei farmaci: l'Asur predispone una gara da oltre 35 milioni di euro (iva inclusa) con durata triennale dell'accoro quadro. La determina, firmata dalla triade alla guida dell'azienda ospedaliera la direttrice generale Storti, il direttore sanitario Appignanesi e quello amministrativo Giuliacci lo scorso 17 luglio, stabilisce i contorni dell'appalto che intende «affidare il servizio di logistica dei prodotti distribuiti per conto dell'Asur ad un operatore economico specializzato che, in piena ed autonoma responsabilità, assicuri l'acquisto, l'immagazzinamento e la distribuzione dei prodotti alle farmacie regionali, agli esercizi commerciali autorizzati e, in caso di necessità e/o urgenza, alle farmacie ospedaliere e territoriali», si legge nel documento.
Modalità telematica
La gara sarà a procedura aperta ed in un unico lotto, espletata in modalità telematica. L'accordo quadro, si diceva, avrà una durata di tre anni a decorrere dalla data di avvio della prestazione ed è prevista un'opzione di rinnovo del servizio fino ad un massimo di ulteriori tre anni (importo pari a 11.848.458, iva esclusa), oltre a quella per un'eventuale proroga tecnica, stimata in 12 mesi, quale tempo necessario alla conclusione delle procedure per l'individuazione di un nuovo contraente (importo pari a 23.949.486 euro iva esclusa).
Infine, è stata prevista anche una modifica nel caso dovesse aumentare il fabbisogno del servizio per un massimo non superiore al 30% delle quantità triennali presunte (3.554.537 euro, iva esclusa). L'appalto sarà concesso in base al criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo.
Le intese sindacali
La premessa alla determina 362 sta nel fatto che la Regione si è avvalsa della facoltà di stipulare accordi con le associazioni sindacali delle farmacie convenzionate, pubbliche e private, «per consentire agli assistiti di rifornirsi delle categorie medicinali che richiedono un controllo ricorrente del paziente presso le farmacie predette, con le medesime modalità previste per la distribuzione attraverso le strutture aziendali del servizio sanitario nazionale», spiega l'articolato.
Attraverso lo strumento della convenzione, è stato avviato un progetto sperimentale iniziato nel 2004 e proseguito mediante accordi succedutisi negli anni. Nelle Marche, inoltre, è stata avviata tra il 2009 ed il 2010 la fornitura agli assistiti per tramite delle farmacie convenzionate, degli ausili per stomie e per l'incontinenza, oltre che per l'autocontrollo e l'autogestione del diabete. A ciò si è aggiunta un'ulteriore attività, rappresentata dalla necessità di provvedere alla distribuzione dei kit di screening oncologico del colon retto ed alla loro raccolta.
La procedura
La procedura di gara definita dall'Asur andrà ad individuare un operatore economico specializzato che acquisti, immagazzini e distribuisca tali prodotti. L'8 maggio del 2019 è stata avviata anche una consultazione preliminare del mercato e, contestualmente, il 2 marzo 2020 la giunta Ceriscioli, con delibera 263, ha approvato lo schema di accordo regionale per il servizio di distribuzione per conto dei dispositivi medici per ulteriori 12 mesi. L'appalto in questione andrà a completare l'iter.
Martina Marinangeli
© RIPRODUZIONE RISERVATA