MENU
Chiudi
27/08/2018

La formazione riparte e inciampa

Giornale di Sicilia

regione. Segnalate ai carabinieri presunte irregolarità su bandi di reclutamento dei docenti o compensi anomali
Segnalati articoli nei bandi emanati dagli enti che fanno ipotizzare assunzioni esterne nonostante ottomila a spasso. «Niente soldi a chi non rispetta le regole», dicono dagli uffici regionali Riccardo Vescovo palermo OOO Anomalie nei bandi di selezio ne dei docenti della formazione professionale. Dubbi sull ' applica zione del contratto e diciture che fanno ipotizzare nuove assunzioni esterne nonostante 8 mila precari in attesa di tornare al proprio posto. Quanto basta per spingere l'asses sorato a spedire tutte le carte ai ca rabinieri e avviare subito dei con trolli. «Niente soldi a chi non rispet ta le regole» dicono dagli uffici. Un nuovo scossone dunque agita le acque della formazione profes sionale quando mancano ormai po chi giorni all'inizio dei corsi. Gli enti sono nel bel mezzo delle selezioni del personale per far ripartire le atti vità e il dipartimento si appresta a firmare i primi decreti. Già circa 400 i selezionati, numero destinato a crescere. Ma qualcosa non ha con vinto gli uffici guidati da Gianni Sil via, tanto da inviare una sorta di «alert» al nucleo di carabinieri dedi cato proprio ai controlli sul settore. In particolare gli uffici hanno acce so i riflettori su alcune procedure che potrebbero nascondere il tenta tivo di assumere esterni mentre la legge, e l'accordo coi sindacati sigla to di recente, prevedono di dare priorità al personale storico assunto prima del 2008 e iscritto in un albo regionale per essere appunto tute lato. Questo albo è stato successiva mente affiancato da un altro elenco coi nuovi arrivati del settore, ma se condo i sindacati ad avere la priorità devono essere i dipendenti storici. I bandi aperti Sono due le procedure in corso per riattivare la formazione profes sionale in Sicilia. Una risale allo scorso governo ed è l'avviso 8, un bando da 136 milioni oggetto di nu merosi ricorsi anche se alla fine la Regione sembra averla spuntata. Bi sognerà rifare la graduatoria per po ter finalmente decretare l'avvio del le lezioni. Probabilmente si andrà ancora per le lunghe. A breve invece potrebbe partire un'altra iniziativa che è targata nuovo governo. Si trat ta dell'avviso 2 voluto dall'assessore Roberto Lagalla che ha messo a di sposizione 125 milioni. Nelle scorse settimane si è svolta la procedura per selezionare gli enti ed è avvenu ta a sportello: cioè le strutture avrebbero dovuto registrarsi in un portale e avrebbero ricevuto le som me dopo l'iscrizione degli allievi. Questo iter si è invece concluso in un paio d'ore, probabilmente per chè gli enti avevano già contattato gli allievi e hanno dunque inserito subito le pratiche d'iscrizione otte nendo i budget. Le sigle che sono riuscite a rien trare nella selezione sono state circa 200. A quel punto è scattata la ricer ca dei docenti. Si tratta della fase più delicata perchè il settore conta circa 8 mila lavoratori la maggior parte dei quali da tempo senza un con tratto. I dubbi sui requisiti Alcuni avvisi riportano espressa mente la dicitura «avviso riservato a personale non proveniente all'al bo». In realtà c'è una norma appro vata dall'Ars nei mesi scorsi che in vita gli enti ad assumere in via prio ritaria il personale storico. Non un obbligo, perchè a livello legislativo non si può stabilire, ma una indica zione di priorità rafforzata da un ac cordo sindacale siglato a luglio tra tutte le associazioni degli enti, i sin dacati e il governo. Uno dei bandi fi niti in rete e contestati dai lavoratori è quello del centro studi Idi di Salva tore Giordano. Nell ' avviso è scritto che la selezione è rivolta a operatori non iscritti all ' albo, ma qualche riga dopo si chiarisce che saranno «valu tate in subordine le candidature de gli iscritti». Una formula che ha messo in allarme i lavoratori. «Ma noi abbiamo seguito rigorosamente le indicazioni della legge - dice Giordano - c'è un bando riservato al personale dell'albo e uno per gli esterni ai quali ci rivolgeremo solo se non troveremo le figure all'inter no. Sono stati pubblicati contem poraneamente solo per farci trovare pronti, stanno facendo tutti così». La precedenza data al personale as sunto prima del 2008 si traduce in un punteggio aggiuntivo attribuito in base all'esperienza: dovrebbe mettere al riparo i lavoratori anche da eventuali risultati pessimi nei colloqui. L ' allarme dei sindacati «Stiamo monitorando diverse se gnalazioni - spiega Mariagrazia Pi storino della Cgil scuola - Monitore remo le procedure ed è importante che non si creino inutili aspettative. La formazione deve essere una ri sorsa per lo sviluppo». E Giovanni Migliore della Cisl annuncia che «giovedì a Caltanissetta ci sarà in contro per verificare alla luce dei bandi come stanno andando le co se. Al momento no ci sono grosse contestazioni». Ninni Panzica e Giuseppe Raimondi della Uil ricor dano che «la priorità, a parità di pro fessionalità, ce l'hanno i lavoratori dell'albo. Tutti i tentativi di aggirare le regole saranno da noi denuncia ti». Le selezioni ai raggi X C ' è un altro elemento che ha spinto il dipartimento a inviare se gnalazioni ai carabinieri. Alcune se lezioni riporterebbero compensi da 8 o 9 euro lordi all'ora ritenuti dai la voratori esigui. «Gli enti devono ri spettare il contratto - dicono dagli uffici guidati da Gianni Silvia - in al cuni casi c'è il rischio che si appli chino forme di lavoro atipico. Sa ranno i carabinieri a verificare il ri spetto delle regole». Diversi i casi già inviati al vaglio degli ispettori. La norma approvata dall'Ars per tute lare il personale storico prevede lo stop all'accreditamento, cioè l'au torizzazione a organizzare i corsi e ricevere i finanziamenti, in caso di irregolarità.

Foto: Protesta degli operatori della formazione davanti alla sede della Presidenza della Regione a Palermo


Foto: Uno dei bandi contestati dai lavoratori che temono assunzioni esterne all ' albo

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore