scarica l'app
MENU
Chiudi
25/06/2019

La Finanza festeggia con la Città

La Gazzetta Del Mezzogiorno

245° ANNIVERSARIO PRIMA VOLTA SUL LUNGOMARE IL LAVORO SVOLTO IN NUMERI Eseguiti 7.852 interventi ispettivi tra il gennaio del 2018 e il maggio del 2019 da tutti i reparti del Corpo a livello provinciale NARCOTRAFFICO Sequestrati quasi 555 chilogrammi di sostanze stupefacenti, tra hashish, marijuana e cocaina; 27 gli arresti
Intenso anno di attività sul fronte dei reati economico-finanziari con 1061 indagini
ANTONIO PORTOLANO l Ben 7.852 interventi ispettivi conclusi dai Reparti della Guardia di Finanza di Brindisi tra il gennaio del 2018 e il maggio del 2019 e 1.061 indagini delegate al Corpo, nello stesso periodo, dalla magistratura ordinaria e contabile. Nel giorno in cui, per la prima volta nella storia di Brindisi le Fiamme Gialle consolidano il rapporto stretto con il territorio con una cerimonia nel cuore della città, sul lungomare Regina Margherita, il Corpo traccia il bilancio dell'attività svolta. Cifre, queste, che danno il senso dell'intensificazione delle attività della GdF contro i più gravi fenomeni di illegalità economico-finanziaria. EVASIONE ELUSIONE E FRODI Nel 2018 e nei primi 5 mesi del 2019, ha eseguito 126 interventi ispettivi. Sono stati riscontrati 92 reati fiscali (principalmente, emissione e utilizzo di fatture false, dichiarazioni fraudolente e occultamento delle scritture contabili) e denunciati 75 soggetti. Ammontano a 89 le indagini delegate dalla magistratura e ad oltre 10 milioni di euro le proposte di sequestro avanzate. Le misure patrimoniali eseguite sono pari a 4,1 milioni di euro, mentre una persona è stata arrestata. Sono 84, i casi scoperti di società "cartiere" o "fantasma" utilizzate per frodi carosello o indebite compensazioni. Nel contrasto all'economia sommersa sono stati individuati 90 soggetti sconosciuti al Fisco (evasori totali), che hanno evaso complessivamente 4,8 milioni di IVA. Inoltre, sono stati verbalizzati 124 datori di lavoro per aver impiegato 603 lavoratori in "nero" o irregolari. Ammontano complessivamente a 43 gli interventi nel settore delle accise, che hanno portato al sequestro di oltre 585 quintali di carburante oggetto di frode, cui si aggiunge un consumato in frode di oltre 22.671 tonnellate. Nel settore dei giochi e delle scommesse illegali, i controlli eseguiti sono stati 286 con 15 violazioni rilevate; sono, invece, 3 le indagini di polizia giudiziaria concluse nello stesso comparto. I 24 interventi a contrasto del contrabbando e delle frodi doganali hanno portato al sequestro di circa 72 quintali di tabacchi lavorati esteri e di 10 mezzi terrestri. ILLECITI SPESA PUBBLICA Ai 472 interventi svolti a tutela dei principali flussi di spesa pubblica, dagli appalti agli incentivi alle imprese, dalla spesa sanitaria alle erogazioni a carico del sistema previdenziale, dai fondi europei alla responsabilità per danno erariale, si aggiungono 121 deleghe d'inda gine concluse in collaborazione con la Magistratura ordinaria e 19 deleghe svolte con la Corte dei Conti. Le frodi scoperte dai Reparti del Comando Provinciale di Brindisi in danno del bilancio nazionale e comunitario sono state pari a oltre 62 mila euro mentre si attestano intorno ai 276 mila quelle nel comparto della spesa previdenziale, assistenziale e sanitaria, con un numero di persone denunciate complessivamente pari a 49. Sul versante dei danni erariali sono state segnalate condotte illecite alla Magistratura contabile per circa 8,3 milioni di euro, a carico di 82 soggetti. I controlli svolti in materia di prestazioni sociali agevolate e di indebita esenzione dal pagamento dei ticket sanitari hanno fatto emergere tassi di irregolarità pari, rispettivamente, al 49,8% e al 100%. Nel caso dei ticket sanitari è stata sviluppata una specifica analisi di rischio in grado di evidenziare i nominativi di beneficiari già caratterizzati da elevati indici di anomalia. Nel settore degli appalti, il valore delle procedure contrattuali risultate irregolari è stato pari a circa 3,2 milioni di euro; contestualmente, l'ammontare complessivo delle gare sottoposte a controllo si è attestato a circa 84 milioni di euro. Le persone denunciate per reati in materia di appalti, corruzione e altri reati contro la Pubblica amministrazione sono state 52. CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Sono state 1.851 le attività ispettive condotte allo scopo di individuare le diverse forme di infiltrazione e gli interessi finanziari, economici e imprenditoriali della criminalità. Con riferimento ai risultati conseguiti in applicazione della normativa antimafia, sono stati sottoposti ad accertamenti patrimoniali quasi 133 soggetti; ammonta, invece, a oltre 4,2 milioni di euro il valore dei beni mobili, immobili, aziende, quote societarie e disponibilità finanziarie proposti all'Auto rità Giudiziaria per il sequestro, mentre i provvedimenti di sequestro e confisca operati hanno raggiunto, rispettivamente, la quota di 1,9 milioni e 865 mila euro circa. Tali misure ricomprendono l'esecuzio ne di sequestri di prevenzione, ai sensi del Codice Antimafia, per oltre 1,2 milioni di euro e confische in via definitiva di beni per 570 mila euro, conseguenti allo svolgimento di 8 accertamenti nei confronti di soggetti connotati da cosiddetta «pericolosità economico-finanziaria». Infine, continua incessantemente la collaborazione istituzionale con le Autorità Prefettizie, quale fulcro del sistema di prevenzione antimafia in ambito provinciale. Complessivamente sono stati eseguiti quasi 1.045 accertamenti a seguito di richieste pervenute dai Prefetti della Repubblica, riferiti alle verifiche funzionali al rilascio della documentazione antimafia. L'azione volta alla prevenzione e repressione del riciclaggio dei capitali illeciti per impedirne l'introduzione nel tessuto economico-finanziario sano del Paese, nonché per intercettare possibili pratiche di finanziamento del terrorismo. Le attività si sono concretizzate, in particolare, nello sviluppo di 16 indagini di polizia giudiziaria, da cui è scaturita la denuncia all'Autorità Giudiziaria di 48 persone per i reati di riciclaggio e autoriciclaggio, 8 delle quali sono state arrestate. Il valore del riciclaggio accertato si è attestato intorno ai 2,1 milioni di euro, mentre sono stati effettuati sequestri su ordine della magistratura per circa 792 mila euro. Sul fronte della prevenzione sono state approfondite 104 segnalazioni di operazioni sospette. In questo contesto assume, inoltre, grande rilievo il monitoraggio dei movimenti transfrontalieri di valuta che può offrire utili spunti investigativi per l'avvio di più penetranti approfondimenti. Lo dimostrano i risultati conseguiti dalle unità operative nell'arco temporale di riferimento. Ai confini terrestri e marittimi sono stati, infatti, eseguiti 235 controlli volti a verificare il rispetto delle norme sulla circolazione transfrontaliera di valuta in entrata e/o in uscita dal territorio nazionale, che hanno avuto ad oggetto movimenti di capitali per oltre 2,1 milioni di euro e hanno condotto all'ac certamento di oltre 60 violazioni. Con particolare riguardo al campo dei reati fallimentari sono stati sequestrati beni per un valore pari a circa 681 mila euro, su un totale di patrimoni risultati distratti di 10,8 milioni di euro. TRAFFICI VIA MARE Ammontano a quasi 555 chilogrammi le sostanze stupefacenti, tra hashish, marijuana e cocaina, sequestrate dai Reparti brindisini del Corpo tra il gennaio del 2018 e il maggio del 2019. Mentre 27 sono stati i narcotrafficanti arrestati e 11 i mezzi utilizzati per l'illecito traffico sequestrati. Sul fronte dell'immigrazione clandestina, sono stati intercettati 16 migranti.

Encomi semplici Premiati 16 militari che si sono distinti in operazioni di servizio

Encomio semplice concesso a: Maresciallo Capo mare Davide Lombardi; Maresciallo Capo mare Ennio Di Gianvittorio; Brigadiere Capo Domenico D'Anna; Brigadiere Francesco Montanaro; Vice Brigadiere Walter Orfanelli; Capitano Gerardo Chiusano; Luogotenente Cosimo Semeraro; Maresciallo Aiutante Francesco Manelli; Vice Brigadiere Pietro Serio; Appuntato scelto Raffaele Grauso; Capitano Agostino Taurino; Luogotenente Carica Speciale Mauro Palmieri; Brigadiere Capo Damiano Di Levrano; Capitano Domenico Pirrò; Maresciallo Capo Michele De Mola; Brigadiere Capo Salvatore Greco.

Foto: CERIMONIA I festeggiamenti sul lungomare per la prima volta [foto Matulli]