scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
17/02/2021

LA DIFFICILE RINASCITA Saranno finalmente sistemat…

Il Messaggero

LA DIFFICILE RINASCITA
Saranno finalmente sistemati 1.200 chilometri di strade del capoluogo il cui manto è da troppo tempo un colabrodo. Lo ha annunciato nella seduta della Commissione Garanzia e Controllo l'assessore Vittorio Fabrizi. Una riunione intensa quella della V commissione convocata dal presidente Giustino Masciocco che ha previsto all'ordine del giorno una batteria di audizioni sui temi più caldi. «Abbiamo aspettato finora per consentire l'allestimento dei cantieri e dei sottoservizi ha spiegato Fabrizi ma ora non possiamo più attendere». Le risorse saranno reperite anche dalla devoluzione dei mutui già accesi dal Comune dell'Aquila, ossia dalla rimodulazione delle somme non spese da poter destinare ad altre finalità, in questo caso il rifacimento del manto stradale. Fabrizi ha spiegato che le strade rappresentano una delle priorità del suo assessorato, insieme alla conclusione della ricostruzione privata. «Con le ulteriori somme garantite dal governo ha sottolineato l'assessore riusciremo a concludere la ricostruzione privata, potrebbe al limite mancare pochissimo». Accelerazione anche sull'avvio dei lavori nei 400 Consorzi commissariati che finora sono andati un poco a rilento. Il problema è però la carenza di personale; su questo punto è stato il consigliere Giorgio De Matteis a dare una sorta di aut aut sottolineando che la situazione è drammatica sul fronte delle risorse umane. «Mi aspetto che in settimana giungano negli uffici di via Avezzano le unità promesse» ha intimato De Matteis.
LA PISCINA
Sotto la lente della commissione anche la situazione relativa al nuovo bando dell'impianto di Santa Barbara dopo che il primo avviso è andato deserto. L'assessore Fabrizi ha assicurato che il nuovo bando sarà pubblicato entro un mese, il tempo necessario per consentire ad una società specializzata di aggiornare il piano economico-finanziario. Il nuovo gestore, lo ricordiamo, non dovrà pagare il mutuo contratto con il Credito sportivo che si è accollato il Comune e non dovrà versare neanche i 100 mila euro l'anno previsti nella versione precedente del bando come ristoro da versare. Il privato dovrà chiaramente versare il canone che ammonta a circa 18 mila euro. L'impianto di Santa Barbara sarà messo a bando come lotto unico sebbene formato dalla piscina, i campi da tennis e la pista di pattinaggio non dando seguito all'idea di spacchettare le tre infrastrutture. Il capogruppo del Pd, Stefano Palumbo ha ricordato la situazione drammatica delle maestranze della piscina che potranno fruire dell'indennità di disoccupazione soltanto fino alla fine di marzo. Il dirigente ha assicurato che nel bando sarà inserita la clausola di salvaguardia.
Antonella Calcagni
© RIPRODUZIONE RISERVATA