scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
16/03/2021

La Difesa cerca esperti per valutare il degrado dei moli di San Vito I progetti per marola

Il Secolo XIX - so. co.

La SpeziaLa Marina mette sotto la lente di ingrandimento i due moli di San Vito, a Marola, e investe per progettarne il risanamento. È stato pubblicato un avviso che annuncia una gara, nella forma della procedura negoziata senza bando, per «l'affidamento degli accertamenti sullo stato di degrado delle due opere, mediante indagini strutturali». La previsione complessiva di spesa ammonta a 59.955 euro. Saranno consultati «almeno cinque operatori economici, ove esistenti», con «l'aggiudicazione in base al criterio del prezzo più basso». L'atto, a firma del capitano di vascello Luca Nocchetti, è identico a quello già pubblicato nel luglio dello scorso anno. La spiegazione sta nel fatto che i protocolli adottati per il contenimento del Covid hanno «causato un rallentamento delle attività delle stazioni appaltanti». È stato necessario pertanto «procedere con una nuova determinazione a contrarre», che ricalca esattamente la precedente. L'autorità militare intende acquisire «una relazione specialistica, di natura ingegneristica», per caratterizzare i due moli e decidere come intervenire. L'obiettivo finale è quello di procedere poi al ripristino e al risanamento strutturale. L'investimento sulle strutture di Marola va nella direzione già espressa dall'ammiraglio Giorgio Lazio, a capo del comando marittimo Nord, che, in commissione consiliare, ha chiarito di recente che «ci sono cose che la Marina non può dare», riferendosi proprio all'area marolina. Le parole avevano spinto il sindaco della città Pierluigi Peracchini a scrivere al ministro Lorenzo Guerini e al capo di stato maggiore ammiraglio di squadra Giuseppe Cavo Dragone, rilanciando «l'esigenza particolarmente sentita dalla borgata di Marola di riavere un affaccio sul golfo», aggiungendo che «le rilevanti infrastrutture logistiche ed operative, pur sorte per finalità strategico militari, hanno ormai perduto gran parte della loro importanza, a fronte dei mutati scenari».In termini di investimenti, sono stati pubblicati più bandi spezzini, come l'indagine di mercato per l'ammodernamento dei pozzi bacini, suddivisa in tre lotti da 58, 21 e 30 mila euro. In tutto, un impegno pari a 116.400 euro. In questi giorni sono usciti altri importanti bandi, targati Marinarsen. --so. co.© RIPRODUZIONE RISERVATA