scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
05/03/2021

La cittadella della cultura trova la sinergia con il Rof

Corriere Adriatico

L'area della lavanderia potrebbe essere sfruttata per residenze artistiche
L'IDEA
PESARO La possibilità di un intervento unitario sul San Benedetto, permette di progettare un'operazione sinergica che faccia partire i lavori contemporaneamente e non con interventi parziali.
Terzo bando
La possibilità di accedere ai bandi di rigenerazione urbana (ogni comune può presentarne almeno 3), che mettono in contatto ben 3 ministeri (Finanze, Infrastrutture e Mibact), offre infatti diverse possibili soluzioni che intrecciano il percorso di riqualificazione sia dei Borghi che dell'asse via Mazza, via Castelfidardo e via Passeri, una zona che abbraccia proprio il San Benedetto. Un terzo bando potrebbe quindi interessare la parte dell'edificio che si affaccia su corso XI Settembre che potrebbe così essere destinato ad una fruizione che comprenda welfare, aggregazione e cultura, intercettando risorse anche dal punto di vista delle residenze sociali e dei laboratori artigianali.
Il dialogo
«La zona su corso XI Settembre, andrebbe quindi in dialogo con la parte riferita alla zona della ex lavanderia, diventando vero polmone culturale della città in relazione non solo con gli Orti Giulii e la Biblioteca San Giovanni, ma anche con il Museo Rossini e il Teatro», afferma il vicesindaco Daniele Vimini. Ma la vera novità sta nella nuova idea di sinergia con un'altra importante fondazione della città, il Rossini Opera Festival. «La zona della ex lavanderia, potrebbe offrire un primo piano con residenze artistiche (da utilizzare nei mesi del Rof o per le sessioni dedicate all'Accademia Rossiniana e, durante l'anno, a residenze di artisti che sviluppano progetti in teatro), mentre al piano terra potrebbero spostarsi gli uffici del Rof insieme ad una estensione della biblioteca San Giovanni».
Il tema
«In questo modo - prosegue - il Rof sarebbe anche disposto ad intervenire economicamente in merito, sia per il tema abitare che per gli altri investimenti, Avere la disponibilità della Biblioteca e del Rof significherebbe utilizzare due tra i marchi di qualità culturale che meglio hanno espresso il valore della nostra città in questi anni. Inoltre, la visione su corso XI Settembre non sarebbe più un'isola a sé stante, ma farebbe parte, insieme agli Orti Giulii di una vera cittadella della cultura». Un'altra interessante idea è quella riferita alla possibilità di intercettare fondi green.
Il fiume Foglia
«Siamo molto vicini al fiume e un altro tema di forte interesse nei bandi, comprende interventi legati alla green economy e questo aprirebbe un'ulteriore strada da progettare con un'attenzione specifica alle risorse naturali». I bandi di rigenerazione urbana dovranno essere presentati entro il 16 marzo e per il Comune è importantissimo riuscire ad ottenere questi primi sicuri finanziamenti, il cui esito si conoscerà intorno a metà maggio.
Elisabetta Marsigli
© RIPRODUZIONE RISERVATA