scarica l'app
MENU
Chiudi
27/05/2020

La Cina finanzia un treno segreto in Europa

La Repubblica - Gianluca Modolo Andrea Tarquini

Mappamondo
Una "ferrovia segreta" da oltre 2 miliardi di dollari di cui non sapremo quasi nulla per almeno dieci anni. È la nuova linea Orient Express, la direttissima su rotaia Budapest-Belgrado finanziata dalla Cina.
● a pagina 17 Una ferrovia segreta da oltre 2 miliardi di dollari. Una grande opera nel cuore dell'Europa di cui non sapremo quasi nulla per almeno dieci anni. È la "nuova linea Orient Express", la direttissima su rotaia Budapest-Belgrado. Finanziata e fortemente voluta dalla Cina.
A fine aprile il governo ungherese di Viktor Orbán ha siglato con Pechino un prestito di 1,9 miliardi di dollari per l'ammodernamento della tratta tramite la Exim Bank of China, che coprirà l'85% dei costi dei lavori.
I restanti 256 milioni li metterà sul piatto lo Stato magiaro. Ma la settimana scorsa, il 19 maggio, per volere dello stesso Orbán, quel contratto con Pechino è stato dichiarato segreto di Stato. Fino al 2030. In virtù dei poteri straordinari che l'autocrate di Budapest si è fatto dare col pretesto della lotta al coronavirus, l'Orszaghaz (il Parlamento in mano al suo partito, la Fidesz) ha secretato per legge i dettagli di quell'accordo. Oltre alla China Railway International, arma decisiva nella politica espansionistica del presidente Xi Jinping, si sa solo che i lavori in territorio ungherese verranno affidati ad una società controllata da Lorinc Mészáros, amico d'infanzia di Orbán e oggi tra gli uomini più ricchi e potenti d'Ungheria. Un prestito a 20 anni con interessi del 2,5%. Molti critici sostengono, però, che lo Stato magiaro, nella migliore delle ipotesi, ci metterà almeno 120 anni a ripagare il proprio debito.
Alla vigilia dei suoi dieci anni al potere (era il 29 maggio 2010) durante i quali ha fieramente trasformato l'Ungheria in una "democrazia illiberale", con la firma di questo accordo il leader di Budapest spinge il Paese magiaro ad essere sempre più la testa di ponte della penetrazione cinese in Europa. Molti analisti vedono la crescente presenza del Dragone nella parte sud-orientale del Vecchio Continente più come una minaccia che come un'opportunità per lo sviluppo dell'area. Approfittando della pandemia, si teme che la Cina stia tentando di «comprare influenza» - come ha scritto qualche giorno fa l'agenzia di stampa Reuters - in un Paese Ue. «Le relazioni con Pechino si inseriscono alla perfezione nella strategia comunicativa del governo ungherese secondo la quale il Paese non ha bisogno dell'Ue. Il ritornello è questo: siamo forti da soli e abbiamo amici potenti come Mosca e Pechino», ha raccontato al Financial Times Agnes Szunomar del Centre for economic and regional studies di Budapest.
Prendere il treno oggi per spostarsi tra la capitale ungherese e quella serba è un vero e proprio viaggio nel tempo. La corsa dura otto ore - come 150 anni fa, quando la linea venne costruita - e non si superano i 40 chilometri orari. Il progetto dovrebbe concludersi entro il 2025, dimezzando i tempi di percorrenza e aumentando la velocità dei convogli fino a 200 chilometri orari. Ma la linea non toccherà nessuna grande città: servirà soprattutto per le merci cinesi. Il rinnovo della tratta rientra infatti nella Belt and Road Initiative, la nuova Via della Seta promossa da Pechino. L'obiettivo finale dovrebbe essere quello di collegare il porto del Pireo in Grecia - in pugno alla Cosco, il colosso del trasporto marittimo della Repubblica popolare - all'Europa centrale per facilitare il trasporto di beni made in China.
Passando per i Balcani: che diventano così il nuovo corridoio privilegiato da Xi per entrare in Europa. Dalla Croazia fino al Montenegro passando, appunto, per la Serbia l'avanzata del Dragone prosegue da anni.
La "ferrovia segreta" ha una storia tormentata che inizia sei anni fa.
Nel 2014 viene presentato il progetto con la firma tra Cina, Ungheria e Serbia. Due anni dopo, nel 2016, l'Ue blocca i lavori per il mancato rispetto delle norme comunitarie sugli appalti pubblici. Sarà forse anche per questo che ora il premier ungherese chiude a chiave in un cassetto il contratto con i cinesi. I lavori nella parte serba (200 km sui 350 totali) iniziano lo scorso anno e qui, oltre agli accordi per 943 milioni firmati con Pechino, entrano nella partita anche i russi. Mosca ha concesso a Belgrado un prestito di 800 milioni di dollari: attraverso la Russian Railways International verrà modernizzato il tratto serbo dell'opera e il collegamento tra Resnik e Valjevo.

1,9

256

km/h

943

km/h

800

La ferrovia Budapest-Belgrado

Budapest

UNGHERIA

1870

Belgrado

40

2025

SERBIA

200

350

km

Un investimento di oltre due miliardi di dollari, l'85 per cento pagato dal governo di Pechino

AUSTRIA SLOVENIA la lunghezza della linea ferroviaria ( 150 km in territorio ungherese, 200 km in quello serbo) Győr CROAZIA l'anno di costruzione della tratta la data stimata per la fine dei lavori SLOVACCHIA Pécs BOSNIAERZEGOVINA Kiskőrös Kiskunhalas Montenegro Szolnok Subotica Novi Sad
50 km N Kosovo UCRAINA ROMANIA la velocità attuale dei treni lungo la linea la velocità con cui viaggeranno i treni con la nuova ferrovia BULGARIA miliardi di dollari il prestito concesso dalla Cina all'Ungheria per l'ammodernamento della linea milioni di dollari la cifra per i lavori stanziata dal governo ungherese milioni di dollari i costi per la costruzione nella parte serba, finanziata dai cinesi milioni di dollari il prestito russo alla Serbia per ammodernare la linea e per quella tra Resnik e ValjevoIl premier Viktor Orbán, 56 anni, premier ungherese dal 2010, applaudito dai suoi compagni di partito al termine di un discorso sullo stato dell'unione in Parlamento, che controlla con ampia maggioranza 1 ANSA e tappe del leader
L'ascesa al potere Nel 2010 Orbán trionfa alle politiche con il suo partito, Fidesz: è l'inizio di un decennio ininterrotto al potere in Ungheria kIl manifesto Un poster con il volto di Orbán durante le elezioni del 2018 2 3 Contro i migranti Durante la crisi migratoria europea del 2015, fa innalzare una barriera alla frontiera con la Serbia per impedire l'entrata di migranti irregolari Legge "Stop Soros" Nel 2018 dichiara guerra a George Soros con una legge che costringe il finanziere a trasferire a Vienna la sede della sua università kIn piazza Una manifestazione contro Soros a Budapest Pieni poteri Con l'alibi della pandemia, fa approvare una legge che gli conferisce pieni poteri, compreso quello di sciogliere il Parlamento