scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
30/06/2021

La Cgil: «Ma così in questi settori si rischia il subappalto selvaggio»

La Gazzetta Del Mezzogiorno

GAS, ELETTRICO E IGIENE URBANA I SEGRETARI DELLE CATEGORIE FP E FILCTEM CONTRO L ' ESTERNALIZZAZIONE ALL ' 80 PER CENTO
IL SIT - IN Domani dalle ore 9 alle 12, in via Anfiteatro, nei pressi della sede della Prefettura
l Domani sciopero igiene urbana, gas e elettrico contro la norma del subappalto selvaggio. In particolare, il 30 giugno incroceranno le braccia i lavoratori del settore dell ' igiene urbana e di quello del gas e del comparto elettrico, contro una norma del Codice degli Appalti che favorisce il ribasso al massimo dei costi e condiziona pesantemente sia la qualità del servizio che la tutela dei diritti dei lavoratori. La norma 177 del Codice degli Appalti, le cui proroghe applicative scadranno a fine anno, permette alle aziende vincitrici di appalto di esternalizzare l ' 80 per cento delle attività, anche nei casi in cui le stesse vengano svolte direttamente dal proprio personale, azzerando di fatto un servizio essenziale per le comunità locali. La norma impatta pesantemente sui costi economici, obbligando le aziende a spezzettare rapidamente il servizio con gare al ribasso, e sociali, anche in previsione della perdita dei posti di lavoro e dell ' applicazione contrattuale non di settore che ne deriverebbe, il cosiddetto " dumping " contrattuale. «Scendiamo in piazza per difendere i lavoratori ma anche la qualità dei servizi ai cittadini», spiega Cosimo Sardelli , segretario della Fp Cgil Taranto, «scendiamo in piazza per due motivi. La norma obbliga l ' esternalizzazione fino all ' 80 per cento dell ' appalto, determinando una perdita di posti di lavoro, senza garanzia di rispetto dei contratti nazionali. Il secondo motivo riguarda la destrutturazione dei servizi, con l ' affacciarsi in questo settore di molte aziende bor derline per quanto riguarda la legalità e della qualità dei servizi dei cittadini. Se si abbassano i costi del servizio, le conseguenze immediate sono facilmente immaginabili: si abbasserà la qualità dell ' offerta ai cittadini e la perdita di mi gliaia di posti di lavoro». L ' articolo 177 del Codice degli Appalti colpisce anche i lavoratori dei comparti gas e elettrico. Interviene quindi Gior dano Fumarola , segretario provinciale della Filctem Cgil di Taranto: «L ' ester nalizzazione dei lavori, da un lato rischia di trasformare le grandi imprese in scatole vuote, in holding finanziarie, mentre dall ' altro rischia di dissipare il patrimo nio di know-how e competenza sviluppati in anni di storia di impresa. Ma il rischio che più preoccupa è quello di perdere la capacità professionale di centinaia di lavoratori. Temiamo», dice il segretario generale della Filctem Cgil Taranto, «un aggravarsi delle condizioni di lavoro, l ' as sottigliarsi delle garanzie riguardo salute e sicurezza. Il drammatico esempio purtroppo lo abbiamo vissuto proprio qui sul territorio di Taranto, dove nella giornata di domenica scorsa si è assistito ad un grave infortunio che ha coinvolto un lavoratore in appalto ad e-distribuzione che stava effettuando la propria prestazione lavorativa su un cavo interrato, ed a cui sentiamo di esprimere la nostra più ampia solidarietà. Così come pure è massima la solidarietà - assicura il sindacalista della Cgil - verso tutti i lavoratori che da più di 10 giorni stanno lavorando senza soste per ripristinare il servizio elettrico sul territorio». Red. Ta.