MENU
Chiudi
17/07/2018

La biblioteca agricola al vecchio convento

La Gazzetta Del Mezzogiorno

ADESSO SERVE IL PROGETTO ESECUTIVO PULSANO
PAOLO LERARIO l PULSANO. Il Convento dei Padri Riformati a Pulsano, antico complesso ristrutturato e consegnato all'utilizzo pubblico grazie ai finanziamenti europei ottenuti anni fa, si conferma essere divenuto, assieme al Castello De Falconibus, il cuore pulsante per ogni iniziativa sociale con importanti coloriture culturali. Lo dimostra anche il progetto per ospitarvi la Biblioteca agricola integrata (Bai) per cui una sua parte, con adeguati interventi, sarà destinata alla sua valorizzazione e fruizione con l'amplia mento all'aperto della biblioteca comunale. Ciò grazie al finanziamento di 1,45 milioni riconosciuto dalla Regione Puglia nell'ambito dei Por riguardanti la «Tutela dell'ambiente promozione delle risorse naturali e culturali». Finanziamento ottenuto dall'am ministrazione comunale locale in via definitiva nello scorso gennaio, in seguito alla determina del dirigente regionale della sezione Valorizzazione Territoriale del dipartimento Turismo, Economia della cultura e valorizzazione del territorio, dopo l'approvazione a Bari della graduatoria definitiva delle domande ammesse, avendo aderito all'avviso pubblico, emanato dalla stessa Regione nell'ago sto dello scorso anno, nell'ambito di «Comunity Libray, Biblioteca di Comunità: essenza di territorio, innovazione, comprensione nel segno del libro e della conoscenza». Ora si tratta che il Comune di Pulsano dia urgente riscontro alla concessione del finanziamento iniziando dalla redazione del progetto esecutivo. Per questo, stante la «solita», mancanza nell'Ufficio preposto di figure professionali non presenti nell'organico comunale, è stata indetta gara d'appalto con procedura negoziata, questa poco ben vista dal presidente dell'Anac, Raffaele Cantone, che anche in una recente audizione alla Camera non ha mancato di criticarne il ricorso se non per cause o eventi particolari e urgenti. Il Comune di Pulsano per questa procedura negoziata, indetta alcuni giorni fa dal dirigente comunale ai Lavori pubblici, ha messo a bando di gara 75 mila euro, secondo il criterio dell'of ferta economicamente più vantaggiosa, per l'affidamento dell'in carico della progettazione esecutiva, direzione dei lavori, misura e contabilità, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione per i lavori. Il quadro economico complessivo, oltre 656 mila euro circa per l'esecuzione vera e propria dei lavori, prevede anche 402 mila per l'acquisto di arredi, libri digitali e software.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore