scarica l'app
MENU
Chiudi
28/01/2020

La banda ultra-larga in ritardo di tre anni: a rischio i fondi Ue

Il Fatto Quotidiano - MARCO PALOMBI

IL DOSSIER Paradossi I lavori dovevano finire nel 2020: giovedì al governo è stato detto che si andrà al 2023. Problema: i soldi europei ' scadono ' nel 2022
La rete velocissima Le gare, predisposte dalla pubblica Infratel, tutte vinte da Open Fiber (cioè Enel e Cdp)
La banda ultralarga dovrebbe far viaggiare la nostra connessione Internet velocissima: è l ' Agenda digitale europea, che pianifica per il 2025 la cosiddetta " Gigabyte society " , basata su una rete talmente veloce da poter ospitare le tecnologie 5G, il cosiddetto " In ternet delle cose " che solletica gli appetiti di Stati e grandi imprese di Tlc. Al di là delle legittime opinioni su quanto questo sia necessario e/o positivo, emerge ora un dato di fatto spiacevole. Se la connessione dovrà infatti essere velocissima, la realizzazione dell ' infrastruttura necessaria lo è molto meno: in tre anni ha accumulato ritardi per tre anni (non è un refuso). Tradotto: il progetto, lanciato a marzo del 2015, prevedeva il raggiungimento di una serie di obiettivi entro il 2020, l ' altroieri nell ' apposito Comitato governativo dal nome vagamente esotico (CoBUL) s ' è scoperto che invece l ' o r i zzonte più probabile è il 2023. Problema: i fondi comunitari, parte della programmazione 2014-2020, vanno rendicontati entro il 2022 e quindi si rischia che quei finanziamenti vadano persi o, ammesso di dirottarli su altro in tempo utile, si debbano comunque recuperare quelli per la rete veloce dalla nuova programmazione settennale, che però è ancora oggetto di negoziato. PER CAPIRE serve ripartire dall ' inizio. Il piano per la Banda ultra-larga (BUL, appunto) è stato lanciato cinque anni fa. Si trattava di aiutare con fondi statali ed europei la creazione dell ' infrastruttura materiale nelle cosiddette " aree bianch e " , quelle " a fallimento di mercato " . Insomma, quei comuni, quei quartieri o quelle aree (ad esempio quelle montane) in cui nessun operatore privato avrebbe mai portato la rete veloce perché non sarebbe conveniente. Si è scelto di procedere mettendo a gara vari lotti e affidando poi al vincitore la concessione per 20 anni sull ' utilizzo dell ' infrastruttura stanziando pure i fondi per " in vo gli ar e " Pubblica amministrazione (scuole, università, centri per l ' impiego e aziende sanitarie), Pmi e famiglie a scegliere la BUL. Dell ' attuazione di questo progetto - nel senso di stabilire il fabbisogno infrastrutturale, predisporre le gare e controllare i concessionari - è stata incaricata Infratel, società in house del ministero dello Sviluppo economico da martedì guidata da Marco Bellezza, finora consigliere di Luigi Di Maio e Stefano Patuanelli. Qui, però, si parla del passato. Infratel ha fatto quel che doveva e predisposto le gare: i primi due bandi, che coinvolgono 5.500 Comuni, sono stati aggiudicati nel corso del 2017; l ' ultimo per Calabria, Sicilia e Sardegna, con altri 1.900 Comuni, s ' è invece chiuso ad aprile 2019. Gli appalti li ha vinti tutti Open Fiber, la società partecipata alla pari da Enel e Cassa depositi e prestiti, e il cronoprogramma presentato dall ' azienda e accettato da Infratel prevedeva la conclusione dei lavori in 36 mesi, entro il 2020 insomma. Il valore delle opere si aggira sui due miliardi e mezzo: circa un miliardo lo mette Open Fiber. GIOVEDÌ PERÒ la stessa Infratel, che aveva già avvisato dei ritardi accumulati nei mesi scorsi, ha spiegato ai ministri riuniti nel CoBUL - a partire da quella all ' Innovazione Paola Pisano - che probabilmente per finire tutto si arriverà al 2023, scatenando una notevole incazzatura tra i presenti anche (ma non solo) per la messa in discussione dei soldi Ue. Cu rios o, peraltro, che la società pubblica - nelle ultime riunioni del Comitato governativo (19 dicembre e 23 gennaio) - non abbia mai parlato di colpe del concessionario (nonostante Open Fiber per giustificarsi dei ritardi in Veneto, abbia persino sostenuto di non riuscire a trovare lavoratori). Un mese fa, l ' allora ad Domenico Tudini aveva comunque fatto un quadro terribile della situazione: gli ovvi ricorsi giudiziari (risolti), alcune difficoltà progettuali (s ' è voluto riusare molte infrastrutture esistenti, che però spesso non erano nello stato descritto sulle carte) e una drammatica lentezza nell ' ottenere i permessi. " Noi abbiamo 883 cantieri aperti, in qualche modo sospesi perché mancano i permessi: oltre 200 per colpa di Anas, oltre cento di Rete Ferroviaria Italiana " e pure " molte società regionali " - nonostante i governatori si lamentino assai dei ritardi - ri s p o n d o n o con lentezza esasperante. R i su l t at o : a fine 2019 m e n o d e l 50% dei cantieri aveva terminato la p ro ge tt az ione esecutiva e solo poco più di duemila erano avviati. I lavori conclusi sono qualche decina, quelli " collau da ti " pochissimi anche per il modello di intervento scelto da Open Fiber, che sfrutta la rete Enel. Ora, al solito, si pensa a poteri in deroga da dare a commissari ad hoc per scavalcare ogni problema. Non un bel viatico per le gare sulle " aree grig i e " (a parziale fallimento di mercato), che dovrebbero partire entro quest ' anno. La scheda COS ' È LA " BUL " (Banda u l t ra - l a rga ) : una rete che consente una co n n e ss i o n e I n te r n e t ve l o c i ss i m a , adatta anche al 5G I FONDI UE e nazionali vanno alle aree bianche, quelle in cui i privati non i nve s t i re b b e ro p e rc h é non sarebbe co nve n i e n te : i lavori d oveva n o co n c l u d e rs i in 36 mesi, pare che ci vorrà il doppio

Foto: Era il 2017 Paolo Gentiloni inaugurava un cantiere per la banda u lt ra- l a rga . Accanto, la ministra Paola Pisano Ansa