scarica l'app
MENU
Chiudi
13/03/2020

Ippodromo, al via il bando per il restauro Intervento per oltre un milione di euro

La Nuova Ferrara - Gian Pietro Zerbini

L'assessore comunale Travagli: primo passo per un processo di rigenerazione urbana fruibile alla cittadinanza
Gian Pietro ZerbiniÈ già stata deposita la determina per il bando dei lavori all'Ippodromo comunale. Le ditte che presenteranno domanda sono chiamate ad eseguire lavori di ripristino del miglioramento sismico per un importo complessivo da progetto esecutivo presentato nello scorso mese di agosto di 1,1 milioni di euro. È previsto un contratto da stipulare a misura con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa. La spesa è finanziata per 1 milione e 94mila euro con il contributo regionale per il sisma e per 24mila euro con il rimborso assicurativo. Primo passoQuella della sistemazione antisismica dell'Ippodromo è il primo passo per un progetto più ampio di riqualificazione della struttura. «Approfittiamo - dichiara l'assessore comunale al patrimonio Angela Travagli - per questi fondi messi a disposizione per lavori di riordino antisismico della struttura per iniziare a fare un ragionamento più ampio sulla rigenerazione di questa importante struttura cittadina. Dopo che verrà effettuato il lavoro di ristrutturazione c'è la volontà di recuperare ulteriormente questo spazio vitale, rendendolo più fruibile alla cittadinanza attraverso un'operazione di riqualificazione urbana alla quale sarà importante trovare sinergie tra il Comune, la società che gestisce l'Ippodromo, altre associazioni operanti in loco».L'appaltoIn base alla determina del settore opere pubbliche patrimonio e del servizio amministrativo opere pubbliche ed espropri in base al bando di gara sono state fornite le regole di partecipazione alle aziende interessate all'intervento. Non è previsto sopralluogo. È ammesso il subappalto nella misura del 40% dell'importo di contratto, per la categoria prevalente Og2 a ditte in possesso delle necessarie qualificazioni. La mancata indicazione in sede di offerta della volontà di subappaltare la categoria prevalente Og2, comporterà per l'aggiudicatario l'inammissibilità di ottenere autorizzazione al subappalto. Il subappalto non può essere concesso a ditte che abbiano partecipato alla procedura per l'affidamento dell'appalto. La stazione appaltante provvederà al pagamento diretto ai subappaltatori e ai cottimisti. L'appaltatore è obbligato a trasmettere alla stazione appaltante, tempestivamente e comunque entro venti giorni dall'emissione di ciascun Stato Avanzamento Lavori, una comunicazione che indichi la parte dei lavori eseguiti dal subappaltatore o dal cottimista. Tempi di esecuzione: 305 giorni naturali e consecutivi, decorrenti dalla data del verbale di consegna lavori. --© RIPRODUZIONE RISERVATA