MENU
Chiudi
16/07/2018

Investimenti dei Comuni dimezzati dal 2008 Tre mosse per ripartire

Il Sole 24 Ore - Gianni Trovati

FINANZA PUBBLICA
Nei primi sei mesi del 2018 i Comuni hanno pagato investimenti per 3,45 miliardi, cioè il 9% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E il confronto con il 2008 registra una flessione del 46,7%. Il nuovo tentativo di far ripartire la spesa in conto capitale, al centro dell'agenda del governo, punta su un piano in tre mosse: subito interventi interpretativi per sbloccare la gestione delle spese di progettazione e una parte di avanzi, semplificazione degli appalti e riforma del pareggio di bilancio con la manovra d'autunno. Servizio a pagina 2

Un'altra frenata, l'ennesima, rallenta anche nella prima metà di quest'anno gli investimenti dei Comuni. E spiega il degrado di strade, edifici pubblici e arredi urbani di molte città italiane, ma anche il nuovo protagonismo del tema investimenti nell'agenda del governo. Ai tavoli tecnici si sta lavorando a un piano in tre mosse, per semplificare le procedure degli appalti e per la liberazione degli avanzi, cioè i "risparmi" bloccati nei conti degli enti locali dalle regole attuali del pareggio di bilancio; una liberazione che passerebbe prima da alcuni interventi interpretativi ora sui tavoli del Mef, per poi arrivare alla riscrittura del pareggio nella manovra d'autunno. In gioco (calcola l'Upb) ci sono 3,7 miliardi di euro nei Comuni (e 16,2 in tutti gli enti territoriali, regioni comprese), che in larga parte sarebbero coperti dai risparmi in eccesso (overshooting) che gli enti locali realizzano ogni anno per la complessità delle regole e i difetti della programmazione. Ma è dai numeri realizzati finora che bisogna partire.

Il Siope, il cervellone dell'Economia che tiene sott'occhio le casse degli enti pubblici, mostra quelli più significativi all'atto pratico: i pagamenti effettivi in conto capitale, frutto quindi degli appalti che hanno superato tutti gli ostacoli prodotti da progettazione, impegni di spesa e realizzazione dei lavori. E le cifre raccontano di una costante morìa degli investimenti, nonostante i molti tentativi. Nei primi sei mesi del 2018, i Comuni hanno pagato fatture per investimenti per 3,45 miliardi, cioè il 9% in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Nel 2017, la flessione era stata del 4,7% ma al di là delle oscillazioni nei decimali - che dipendono anche dai tempi della regolazione contabile - il quadro strutturale si fa chiaro quando si allarga lo sguardo della serie storica.

Rispetto al 2008, il calo degli investimenti è del 46,7%, e qualche altra cifra aiuta ad andare più sul concreto. Nel primo semestre di dieci anni fa i sindaci avevano speso 1,33 miliardi per le strade, mentre quest'anno si sono fermati a 646 milioni (-51,3%). Per costruire o risistemare impianti sportivi si è passati da 313 a 173 milioni (-44,7%), per la «sistemazione del suolo» (riassetto idrogeologico) il crollo è da 298 a 131 milioni (-56,1%) e per le infrastrutture idrauliche si arriva quest'anno a 136 milioni contro i 372 di dieci anni fa (-63,5%). La "cura" prodotta dalla crisi ha funzionato meno sulla spesa corrente: tra 2008 e 2018 il confronto fra i semestri mostra una crescita del 7%, comunque più lenta rispetto al 16% fatto segnare in dieci anni dallo Stato (Il Sole 24 Ore del 7 luglio). La spesa del personale ha frenato per il lungo blocco di stipendi e assunzioni, ma ora è in ripresa con il rinnovo del contratto e l'allargamento del turn over; e nonostante le molte spending review il costo di beni e servizi (compresi i contratti per trasporti, rifiuti e così via) è in crescita.

Il nuovo tentativo di rilancio degli investimenti, sottolineato dal ministro dell'Economia Giovanni Tria e dal titolare degli Affari europei Paolo Savona come chiave per accendere tutta la politica economica del governo, parte da qui. E per gli enti locali vede prima di tutto un lavoro sulla contabilità. Sono pronti al Mef due interventi per rendere più gestibili le spese di progettazione, evitando il blocco quando non si ha la certezza matematica di arrivare in fondo all'opera, e l'utilizzo degli avanzi vincolati anche negli enti con i conti in rosso. Il secondo tempo arriverà invece con la manovra, quando saranno riscritte le regole di calcolo sul pareggio di bilancio per liberare del tutto i "risparmi" degli enti. Sulle regole attuali, del resto, sono arrivate due bordate dalla Corte costituzionale, per cui sarebbe complicato già oggi ipotizzare sanzioni agli enti che non rispettano una norma incostituzionale. La terza mossa è intitolata alle semplificazioni, e si concentra in un pacchetto di revisione del Codice appalti che Anci e Ance presenteranno giovedì. Tre premesse importanti, per imboccare la strada di una ripresa che però appare ancora lunga.

gianni.trovati@ilsole24ore.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2008 '09 '10 '11 '12 '13 '14 '15 '16 '17 2018 2008 '09 '10 '11 '12 '13 '14 '15 '16 '17 2018 3.000 4.000 5.000 6.000 7.000 8.000 6.466 21.000 22.200 23.400 24.600 25.800 27.000 VAR 2008-18 +7,0% La dinamiche delle spese correnti e degli investimenti dei Comuni con le principali "voci" oggi e dieci anni fa - Valori in milioni (pagamenti del primo semestre dell'anno) 24.168 Acquisti beni e servizi 14.224 3.448 Strade -51,3 Fabbricati di cui: di cui: -19,0 Altri beni immobili -18,2 Impianti sportivi -44,7 Sistemazione del suolo -56,1 Infrastrutture idrauliche -63,5 Fonte: elaborazione del Sole 24 Ore su dati Ragioneria generale dello Stato (*) Il totale non è la somma delle singole voci perché comprende anche destinazioni di spesa non indicate nel gra co SPESE CORRENTI* INVESTIMENTI* 22.589 VAR 2008-18 -46,7% 2018 Var.% 2018 Var.% 646 786 591 173 131 136 10.212 39,3 2008 1.326 970 723 313 298 372 200187 Il confronto decennale

il tema in tre punti

Le misure

Iter a tappe verso la manovra

Alla commissione Arconet e alla Ragioneria generale si lavora su due interventi per permettere una gestione più facile delle spese per la progettazione e per l'utilizzo di quote di avanzo degli enti con i conti in rosso

La riforma del pareggio chiederà ai Comuni solo un saldo non negativo fra entrate e spese totali, ed è prevista nella manovra 2019. In questo modo l'avanzo entrerebbe nei calcoli del pareggio, liberandone l'uso

Semplificazioni

su iter e controlli del Codice appalti. I Comuni chiedono il ritorno all'appalto integrato e norme per frenare le liti

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore