MENU
Chiudi
20/07/2018

Intesa tra 17 Comuni per appalti ” puliti “

Gazzetta del Sud

Siglato in prefettura un protocollo
La dottoressa Di Stani: l ' obiettivo è contrastare le infiltrazioni mafiose
Un protocollo d ' intesa per ri durre al minimo la possibilità di infiltrazioni mafiose negli appalti delle pubbliche amministrazioni è stato firmato ieri mattina in Prefettura a Crotone. Fino a ieri hanno aderito 17 dei 27 comuni della provincia, ma così come ha detto lo stesso prefetto Cosima Di Stani l ' obiettivo è quello di ar rivare al 100% delle adesioni. I comuni firmatari avevano già prodotto delle delibere di giunta nelle quali si era formalmente preso l ' impegno. «La sottoscrizione di questa intesa - ha detto il Prefetto - va nella direzione della vigi lanza e della prevenzione. Esistono già delle norme nazionali sugli appalti pubblici e sulla prevenzione da qualsiasi tipo di infiltrazione, ma l ' ac cordo che sottoscriviamo oggi tende ad aumentare l ' atten In prefettura. Un momento della riunione tra i sindaci zione nelle nostra amministrazioni». «Sappiamo bene - ha poi aggiunto la Di Stani - che questo comporterà del la voro in più da parte dei Comuni, perché andranno fatti ulteriori valutazioni e controlli, soprattutto per i comuni commissariati che hanno aderito (Strongoli e Cirò Marina, ndr) perché loro devono effettuare verifiche su qualunque richiesta arriva in Comune. Ma è uno sforzo che va fatto». In pratica, nell ' accordo fir mato ieri, si stabiliscono dei criteri, come l ' abbassamento della soglia di alcuni lavori per il passaggio dalla Stazione Unica appaltante, e altre restrizioni, di natura più tecnica, che le aziende che vorranno lavorare con la pubblica amministrazione saranno chiamate ad accettare. «Questo è un fenomeno che già accade in altre province d ' Italia - ha detto infine il prefetto - ed è uno strumento utile agli amministratori». Tra i comuni firmatari c ' è Crotone, il ca poluogo, per il quale ieri era presente anche il sindaco Ugo Pugliese interessato anche in qualità di presidente della provincia. L ' occasione della firma del protocollo di ieri mattina è servita alla Di Stani anche per presentare anche i due nuovi dirigenti arrivati da pochi giorni a sostituire i trasferiti: si tratta del vice prefetto aggiunto Salvatore Guerra, che si occuperà anche di immigrazione, e del viceprefetto Vincenzo Troisi. 3 (l. l.)

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore