scarica l'app
MENU
Chiudi
12/07/2019

Interreg, fondi da Nord a Sud

ItaliaOggi - MASSIMILIANO FINALI

Due nuovi bandi dei programmi Italia-Svizzera e Italia-Malta stanziano in totale 33,5 mln
A Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta, Bolzano, Sicilia
Promuovere l'innovazione e la competitività, contrastare il cambiamento climatico e sviluppare la mobilità sostenibile sono tra i principali obiettivi dei programmi europei di cooperazione territoriale. Lo scopo dei programmi è quello di mettere in connessione territori europei confi nanti ma appartenenti a stati membri diversi, in modo da creare legami transnazionali. Tra i vari programmi di interesse per l'Italia, è possibile accedere a due nuovi bandi che interessano sia il nord che il sud del paese. In particolare, l'avviso del programma Interreg Italia-Svizzera 2014-2020 interessa le regioni Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta e la provincia autonoma di Bolzano. Al Sud, è la regione Sicilia ad essere interessata dal nuovo bando del programma Interreg Italia-Malta 2014-2020. Bando da 17,5 milioni di euro per la cooperazione Italia-Svizzera Il bando ha una dotazione di parte italiana di oltre 17,5 milioni di euro, mentre quella di parte svizzera è di oltre 9,9 milioni di franchi svizzeri. Al programma partecipano i cantoni Vallese, Ticino e Grigioni e le regioni Lombardia (province di Como, Sondrio, Lecco e Varese), Piemonte (province di Biella, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli), Valle d'Aosta, la provincia autonoma di Bolzano. Sono ammessi a partecipare al bando i soggetti pubblici, gli organismi di diritto pubblico e i soggetti privati aventi capacità giuridica. I progetti possono riguardare la mobilità integrata e sostenibile, puntando ad accrescere la qualità della mobilità transfrontaliera attraverso soluzioni di trasporto più effi cienti, perché integrate, e più rispettose dell'ambiente. Possono inoltre riguardare i servizi per l'integrazione delle comunità, sostenendo l'introduzione di soluzioni condivise per migliorare la fruizione e la qualità dei servizi socio-sanitari e socio-educativi. Infi ne, i progetti possono mirare al rafforzamento della governance transfrontaliera, promuovendo le capacità di coordinamento e collaborazione delle amministrazioni. La quota europea del contributo pubblico per parte italiana per ogni singolo progetto non potrà essere inferiore a 100 mila euro e non potrà superare in nessun caso la soglia di un milione di euro per la mobilità sostenibile e di 700 mila euro per gli altri ambiti, ad eccezione degli «small projects» che avranno soglie più basse. La partecipazione minima di ciascun partner non potrà essere inferiore a 5 mila euro. Gli enti pubblici italiani potranno ottenere un contributo a copertura del 100% delle spese ammissibili. La scadenza del bando è fi ssata al 31 ottobre 2019. Bando da 16 milioni di euro per la cooperazione Italia-Malta Il bando del programma Interreg Italia-Malta riguarda le province di Palermo, Trapani, Caltanissetta, Agrigento, Ragusa, Siracusa, Enna, Catania e Messina. Per Malta, interessa le aree di Malta, Gozo e Comino. Gli enti locali possono partecipare a progetti per promuovere la crescita sostenibile ed intelligente attraverso la ricerca e l'innovazione, mirando ad aumentare l'attività di innovazione e ricerca per il miglioramento della qualità della vita e della fruizione del patrimonio culturale.I progetti possono anche riguardare la promozione della competitività dell'area transfrontaliera, attraverso la creazione e il potenziamento delle imprese (micro, piccole e medie) nei settori di intervento dell'area transfrontaliera oppure attraverso la mobilità dei lavoratori. I progetti possono infi ne essere rivolti a tutelare l'ambiente e promuovere l'uso efficiente delle risorse, salvaguardando la biodiversità terrestre e marina dell'area e promuovendo azioni di sistema e tecnologiche per mitigare gli effetti del cambiamento climatico e dei rischi naturali e antropici con particolare riferimento alle catastrofi provenienti dal rischio mare. Gli enti pubblici italiani possono ottenere un contributo fi no al 100% della spesa ammissibile, su progetti con una dotazione fi nanziaria compresa tra un minimo di 500 mila euro e un massimo di 4 milioni di euro. Il bando scadrà il 30 luglio 2019. © Riproduzione riservata