scarica l'app
MENU
Chiudi
05/11/2020

Indennità al fondo famiglia Sindaco e assessori in aiuto

La Prealpina

CISLAGO In beneficenza anche i gettoni dei consiglieri comunali
CISLAGO - Cinquemila euro al mese di indennità di carica, di sindaco e assessori, per aiutare le famiglie in difficoltà in questo periodo di emergenza. È un caso senza precedenti in tutta la zona quello di Cislago, dove il sindaco Gianluigi Cartabia e il suo esecutivo hanno rispettato in pieno la mozione approvata all ' unanimità - su proposta di Fratelli d ' Italia - la scorsa estate. Giusto qualche settimana fa il coordinatore di Fd ' I Luciano Lista aveva chiesto lumi sui compensi dell ' esecutivo. Pronta, ieri mattina è arrivata la risposta ufficiale del sindaco Cartabia: «Non percepiamo le indennità dallo scorso mese di agosto e fino a oggi abbiamo accantonato 15mila euro, che diventeranno 25mila a dicembre, frutto soprattutto della rinuncia del sottoscritto e dei componenti della giunta», puntualizza il primo cittadino: «Abbiamo preferito non percepire i compensi e versarli su un apposito conto corrente, ma lasciarli nel bilancio comunale per destinarli a investimenti sul sociale». Asilo, spesa e affitto Le somme accantonate fanno parte dei fondi che saranno destinati a breve alle situazioni emergenziali: 7mila euro di voucher per la materna, da aggiungere ai 18mila già disponibili per l ' anno educativo 2020-2021. Ma c ' è di più: 11.600 euro, oltre alle somme di ulteriori economie di bilancio per la rinuncia alle indennità, saranno usati per pagare i canoni di locazione. Ciò in ragione del fatto che il bando affitti di Regione Lombardia aveva ottenuto così tante adesioni che era stato preso l ' impegno di finanziare con risorse comunali i pagamenti dei canoni rimasti fuori dai contributi. Per quanto riguarda gli interventi per i buoni alimentari, da poco si è chiuso il primo bando di 10mila euro già a bilancio, più 1.920 euro del conto corrente appositamente aperto, per una spesa di 8.800 euro. A breve sarà aperto un nuovo bando, usando quindi la rimanenza del primo più le quote di rinuncia: 6mila 600 euro di sindaco e assessori e 500 euro dei consiglieri, per un totale di 10.200 euro. La mozione Zero compensi per sindaco e assessori, ma anche zero gettoni di presenza dei consiglieri comunali, per devolverli a imprese e famiglie in difficoltà per il Covid. Non per un mese, ma sino a fine mandato: la primavera dell ' anno prossimo. È quanto prevedeva appunto la mozione di Fratelli d ' Italia approvata all ' unanimità in agosto. «In questo periodo di enorme difficoltà economica e sociale che la nostra comunità sta attraversando, credo sia un dovere morale e civico quello di devolvere le indennità della carica al Fondo di Solidarietà», aveva dichiarato il capogruppo Luciano Lista: «L ' amministratore comunale è un ruolo di servizio non un lavoro, e dev ' essere vissuto con spirito solidale. Oggi più che mai la politica deve dare l ' esempio». Risultato: tutti favorevoli. Stefano Di Maria © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: A Cislago il Consiglio comunale dà l ' esempio (foto Blitz)