scarica l'app
MENU
Chiudi
25/06/2020

Inchiesta su tangenti per lavori metro: tredici persone arrestate

La Sicilia

MILANO
MILANO. Tredici persone sono state arrestate dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza, nell ' ambito di un ' inchiesta su presunte tangenti e appalti truccati. Tra gli arrestati, Paolo Bellini, dirigente dell ' Atm, responsabile degli impianti di segnalamento e automazione delle linee. al quale gli inquirenti contestano presunte tangenti per 125mila euro tra il 2018 e il 2019. Sono otto gli appalti al centro dell ' inchiesta. Le accuse, a vario titolo, sono di associazione per delinquere, corruzione, turbativa d ' asta, peculato, abuso d ' ufficio. Trenta persone fisiche e otto società indagate. Tra gli arrestati anche due manager di Alstom Ferroviaria e uno di Siemens Mobility. Proprio per questo, tra le otto sedi di società perquisite, figurano Siemens Mobility, Alstom Ferroviaria, Ceit e Engineering Informatica. Tra gli appalti al centro dell ' inchiesta, uno sulla manutenzione di impianti di telecomunicazione della linea 5 della metropolitana milanese e quello sui sistemi di segnalazione automatica della Linea 2. Bellini, secondo l ' accusa, avrebbe incassato o pattuito presunte mazzette per 125mila euro tra ottobre del 2018 e luglio del 2019. Perquisizioni sono in corso anche in Atm. L ' inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e dal pm Giovanni Polizzi ha portato all ' ordinanza cautelare firmata dal gip Lorenza Pasquinelli. Paolo Bellini, il dirigente Atm arrestato, avrebbe proposto all ' amministratore di una società coinvolta nelle gare truccate di falsificare «la stampigliatura di un cavo» con caratteristiche diverse da quelle «richieste da Atm». Lo scrive il gip spiegando che per Bellini, come emerge dalle intercettazioni, la «posa del cavo " sbagliato " sarebbe "sicuramente passata inosservata» salvo un incidente. «Un incendio, un cortocircuito ... per arrivare a quello deve bruciare la galleria», diceva Bellini. Intercettazioni, come scrive il gip di Milano, Lorenza Pasquinelli, che dimostrano «il livello di spregiudicatezza raggiunto da Bellini». «Ho chiesto ad Atm», l ' azienda che gestisce il trasporto pubblico a Milano, «di prendere provvedimenti rapidi, queste persone devono essere allontanate, licenziate, quello che si può fare. Se le cose stanno così la giustizia intervenga rapidamente e le pene siano anche esemplari» ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. «Non me l ' aspettavo e ho dentro tantissima rabbia perché tanti stanno facendo la loro parte in questo momento di difficoltà e due funzionari ti mettono in croce - ha aggiunto il primo cittadino milanese -. E ' la dimostrazione che bastano due funzionari infedeli, ancora oggi per regole o per la mancanza di controlli, per gettare una macchia» sulla città «e questo non va bene». l