scarica l'app
MENU
Chiudi
30/04/2020

Incentivi e fondi regionali per salvare l’agricoltura

Libero - FABIO RUBINI

Settore in sofferenza
Dal Pirellone 6 milioni per sostenere i produttori di vini e formaggi, L'assessore Rolfi: «Liquidità alle imprese». Plauso di Coldiretti
■ Due bandi da tre milioni l'uno per dare ossigeno al comparto agricolo lombardo. Il primo (#iomangiolombardo) sarà dedicato principalmente ai prodotti caseari Dop; il secondo (#iobevolombardo) andrà ad aiutare i viticoltori. In un secondo momento, poi, ne verranno studiati altri per i lavori forestali e la filiera bosco-legno. A metterci faccia e soldi veri è ancora una volta Regione Lombardia che ha accolto l'appello di Coldiretti: «È urgente e necessario garantire liquidità alle imprese agricole lombarde che hanno avuto una diminuzione delle attività a causa della pandemia Coronavirus, che ha sconvolto i mercati con difficoltà per le esportazioni, lo stop forzato al canale ristorazione e la chiusura di alcune attività». A spiegare come agirà il Pirellone è l'assessore all'agricoltura, Fabio Rolfi, partendo dalla premessa che: «I nostri agricoltori hanno continuato a lavorare, garantendo ai lombardi la copertura del fabbisogno alimentare», il problema però è che «la domanda delle famiglie non ha compensato l'azzeramento di richiesta sui canali commerciali, partendo da ristorazione, bar e hotel». Per questo «serve un piano straordinario di aiuti e investimenti per sostenere tutto il settore agroalimentare». Anche perché «al momento i fondi stanziati concretamente dal governo in agricoltura sono ampiamente insufficienti rispetto alle necessità - spiega senza girarci troppo attorno l'assessore -. Per questo abbiamo deciso di intervenire immediatamente per dare respiro a uno dei settori trainanti dell'economia». NUMERI IMPORTANTI «La Lombardia - ricorda il leghista - è la prima regione agricola d'Italia. Abbiamo più di 40mila imprese agricole. I lavoratori in ambito agroalimentare, tra le aziende e industria alimentare, sono 150mila nella nostra regione» e i loro posti di lavoro vanno salvaguardati. Così «daremo risorse che entreranno subito in circolo per sostenere le esigenze di liquidità del comparto agricolo». I bandi, fanno sapere dall'assessorato, saranno pronti nei prossimi giorni. In particolare quello in fase più avanzata riguarda i caseifici: «Il bando #iomangiolombardo sarà costruito principalmente sulle Dop di montagna - spiega Rolfi - per sostenere le produzioni di qualità che sono in difficoltà a causa della chiusura dei mercati». L'assessore spiega infatti che «Con un eccesso di offerta, c'è il rischio di ricaduta anche sul prezzo del latte pagato agli agricoltori». Per questo Regione Lombardia acquisterà direttamente questi prodotti «per sottrarre al mercato un po' di quantità e aiutare le famiglie in difficoltà alle quali doneremo i formaggi attraverso le reti di associazioni del territorio». Per quello che nelle intenzioni di Rolfi sarà «un modo concreto per essere vicini all'agricoltura di montagna ed evitare il crollo dei prezzi del formaggio, tenendo alto anche quello del latte». OBIETTIVO CENTRATO L'iniziativa di Regione Lombardia ha ricevuto l'apprezzamento del presidente lombardo di Coldiretti Paolo Voltini: «Lo stanziamento di finanziamenti regionali straordinari rappresenta una boccata d'ossigeno: ringraziamo l'assessore regionale Fabio Rolfi per la costante attenzione e l'impegno con cui sta supportando il settore agricolo e agroalimentare, attraverso misure concrete come queste». Anche il leader della Lega, Matteo Salvini l'ha definita «un'ottima idea. Il primo passo di un progetto più ampio, che punta a valorizzare i prodotti italiani e lombardi» e che quasi certamente finirà nel piano strategico di rilancio economico che la Lega sta preparando e che presenterà in Parlamento nei prossimi giorni.

La vicenda

GLI INTERVENTI I bandi pensati e finanziati da Regione Lombardia sono due: #iomangiolombardo che andrà ad impattare sulla filiera casearia (latte e formaggi Dop) e #iobevolombardo che riguarderà soprattutto i viticoltori lombardi. Per ognuno di questi bandi ci saranno a disposizione 3 milioni di euro con i quali Regione Lombardia acquisterà prodotti per evitare il crollo dei prezzi. Prodotti che verranno distribuiti alle famiglie bisognose ■ IL FUTURO Sono allo studio analoghi provvedimenti che riguarderanno un altro settore fondamentale della Lombardia: i lavori forestali e la filiera bosco-legno. Entrambi fondamentali per prevenire il dissesto idrogeologico dei nostri territori ■

Foto: Vitigni dell'Oltrepò pavese: tutte le imprese agricole sono in sofferenza (Fotogramma)