scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
02/07/2021

In piazza contro gli appalti nel settore energia

Il Tirreno - V.L.

Oltre cento i manifestanti sotto la Prefettura: «Mobilitati per salvaguardare i servizi nell'interesse della collettività» sciopero e presidio
massa. Confederali e autonomi in piazza. Bandiere, solidarietà da parte della politica - con il presidente della Provincia Gianni Lorenzetti al fianco dei lavoratori - e impegno all'ascolto e al confronto da parte della Prefettura. Sono gli ingredienti della mobilitazione di ieri, in piazza Aranci a Massa, dei lavoratori dei settori elettricità e gas in sciopero per l'intera giornata «per protestare - hanno spiegato - contro una specifica del Codice degli appalti che mette a rischio oltre un centinaio di migliaia di posti di lavoro in tutta Italia e diverse centinaia anche nella provincia di Massa Carrara e in quella di Lucca». La manifestazione era indetta a livello nazionale dal Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil presenti con i segretari provinciali a Massa insieme a i rappresentanti di diversi sindacati di categoria (nel pubblico nel privato) a sottolineare l'importanza di una vertenza per chi opera nel settore ma in generale per l'intera comunità. «Nella lotta che stiamo facendo - ha detto il segretario della Cgil di Massa Carrara, Paolo Gozzani - ci prendiamo cura anche della collettività perché, come ha recentemente dimostrato l'emergenza Covid, il ricorso eccessivo a appalti e esternalizzazioni per servizi fondamentali rischia di comprometterne la funzionalità in caso di emergenza». Una delegazione dei manifestanti è stata ricevuta in prefettura dove la vice prefetto Sabatina Antonelli ha ascoltato le motivazioni della protesta. La contestazione riguarda nel merito l'applicazione dell'articolo 177 del Codice degli appalti con il quale le aziende concessionarie sono obbligate a esternalizzare l'80% delle attività oggetto di concessione, che, spiegano i sindacati, rischia di compromettere la qualità dei servizi e del lavoro. Lo sciopero di ieri ha coinvolto tanti lavoratori delle compagnie del servizio elettrico e gas e a Massa Carrara e al presidio hanno preso parte oltre un centinaio di addetti. --V.L.© RIPRODUZIONE RISERVATA