scarica l'app
MENU
Chiudi
02/10/2019

In mattinata schermaglie in Regione «Sul nososcomio ci prendono in giro»

Il Secolo XIX

m5s e il cantiere bloccato
Le parole dell'assessore Sonia Viale ieri in consiglio regionale non chiariscono il futuro del Felettino e mandano in collera le opposizioni. «Viale e la giunta Toti giocano allo scaricabarile, il loro gioco preferito - attacca Alice Salvatore del Movimento Cinque Stelle -. Non basta che la Regione affermi la volontà di costruire il Felettino: con la sola volontà, non si arriva da nessuna parte». Per la pentastellata è una «presa in giro. Ricordiamo Toti e Viale, con tanto di elmetto, a mettere mattoni per l'inaugurazione dell'ospedale mai costruito». Anche per i consiglieri Giovanni Lunardon e Juri Michelucci del Pd, Gianni Pastorino e Francesco Battistini di Linea Condivisa, «Viale continua a prendere in giro 250 mila spezzini. E sui ritardi accumulati dalla sua amministrazione continua a dare la colpa a burocrazia e procedure. Ma non spende una parola sulle affermazioni di alcuni autorevoli esponenti del centrodestra che parlano di piano B. Un intero ciclo amministrativo regionale non è bastato a Toti e Viale non solo per realizzare l'ospedale, ma neppure per far partire i lavori. Un fallimento totale le cui prime vittime sono i malati spezzini».