scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
24/08/2021

In cinque per la direzione Net Dopo 16 anni Fuccaro se ne va

Messaggero Veneto - Alessandro Cesare

In viale Duodo protocollate otto domande: tre sono state scartate Sono previste sia una prova scritta sia una orale di cinque minuti ciascuna il bando
Alessandro CesareSono cinque i candidati ammessi alla prima prova per la selezione del nuovo direttore di Net Spa.Alla scadenza del termine per la presentazione delle candidature, lo scorso 3 agosto, negli uffici di viale Duodo sono pervenute otto domande. Dopo una prima scrematura, le persone che il prossimo 8 settembre dovranno cimentarsi con la prova scritta saranno cinque (sul sito della società sono pubblicati soltanto i cognomi e l'iniziale del nome): S. Gambetti, T. Grandelis, M. Lisio, M. Molinaro, D. Rumiel. I candidati dovranno cimentarsi anche con una prova orale, al termine della quale sarà stilata una graduatoria e la persona con il punteggio più alto, diventerà il nuovo direttore di Net. Gli sarà offerto un contratto a tempo pieno e determinato di un anno, con facoltà di trasformazione a tempo indeterminato. Il compenso sarà in linea con quello previsto dal contratto nazionale Confservizi per un dirigente.«Sono contento che ci sia stata una buona adesione al bando - commenta il presidente di Net, Mario Raggi - tra non molto avremo il nuovo direttore che avrà il compito di proseguire il percorso già tracciato, che vede una Net sempre più innovativa e organizzata. Il vicedirettore Marco Botosso, già procuratore di Net - evidenzia - farà da "ponte" in questo periodo di selezione in attesa della partenza del nuovo corso». L'incarico del direttore dimissionario, Massimo Fuccaro, infatti, termina il 31 agosto. E poiché l'ingresso del suo successore non sarà immediato, toccherà a Botosso traghettare Net nella nuova era, quella che dopo 16 anni non vedrà più Fuccaro ai vertici della società a partecipazione pubblica (il socio di maggioranza è il Comune di Udine). Il suo successore non si occuperà più della parte tecnica, ma solamente di quella amministrativa. Da qui la scelta, nel bando per la selezione, di fissare dei paletti piuttosto stringenti: laurea in Economia e Commercio o Economia aziendale, o ancora in Ingegneria gestionale, esperienze concrete nell'ambito della gestione aziendale, spiccato senso organizzativo, capacità di analisi e problem solving, leadership, capacità di gestione gruppi di lavoro e motivazione del personale assegnato, capacità di comunicazione e gestione delle relazioni a diversi livelli. A completamento del profilo richiesto, dinamicità, intraprendenza, disponibilità e flessibilità oraria. Un iter, quello della sostituzione di Fuccaro, che si è prolungato più del previsto, a causa della revoca della prima selezione. La commissione chiamata a valutare i profili dei candidati che si erano fatti avanti (formata da Andrea Garlatti, Andrea Maria Camilotti e Dario Danese) li aveva giudicati non idonei rispetto alle richieste del bando. Da qui la necessità di ripubblicare un altro avviso, con i termini che inevitabilmente sono slittati fino al mese di settembre. --© RIPRODUZIONE RISERVATA