scarica l'app
MENU
Chiudi
02/06/2019

«In balìa del traffico» Sit-in sulla Triestina

Il Gazzettino

L'ASSESSORE BORASO: «PRESTO ARRIVERÀ LA NUOVA ROTATORIA E UNA CICLABILE PER TESSERA E CA' NOGHERA»
LAVORI PUBBLICI
MESTRE Sottoscritto il contratto con la ditta che ha vinto la gara d'appalto, ora alla Gazzera si spera di veder partire i lavori. La priorità per i residenti, emersa nell'assemblea del 2 aprile scorso e organizzata dal Comitato cittadini di Gazzera è la viabilità connessa al progetto della stazione Sfmr, a partire da via Brendole. «Anche se con più di un mese di ritardo, rispetto ai tempi comunicati in assemblea - spiega Stefano Allorini a nome del comitato - il 23 maggio scorso è stato sottoscritto il contratto con la ditta vincitrice della gara d'appalto. Questo è solo il primo passo: per essere soddisfatti non possiamo che aspettare l'avvio dei lavori». Quindi la richiesta di stabilire alcune priorità sulla base delle esigenze dei residenti: «Vogliamo ribadire l'urgenza, per seri motivi di sicurezza, di dare corso velocemente ai lavori a partire dalla rotonda di via Brendole, così come condiviso in assemblea. Chiediamo di mantenere le promesse e in particolare di realizzare i sistemi di sicurezza dei sottopassi ciclopedonali, considerato quanto sono pericolose in orario serali simili infrastrutture che già esistono in altre zone della città». Altro lavoro da realizzare al più presto è, per il comitato, la viabilità di collegamento con via Miranese e con via Castellana. «È l'unica possibilità per sgravare il traffico di attraversamento dal centro della Gazzera, in particolare nell'area del distretto scolastico» aggiunge Allorini. Prima dell'affollata assemblea i cittadini avevano organizzato anche una raccolta firme per chiedere di risolvere con urgenza alcune delle situazioni più critiche del quartiere. E durante la serata avevano ricevuto le rassicurazioni degli assessori Renato Boraso e Francesca Zaccariotto e degli ingegneri Marco D'Elia e Alessandra Grosso. In quella occasione è stato poi presentato il piano di intervento da 14 milioni di euro (suddivisi tra Comune che prevede il sottopasso tra via Brendole e via Gazzera Alta, Veneto Strade per via Olimpia e Rfi per il completamento delle stazioni) e i lavori che andranno avanti, se tutto andrà bene, fino a gennaio 2021. E i residenti hanno parlato principalmente di sicurezza. Non solo per quanto riguarda l'illuminazione dei sottopassi ma anche per i passaggi a livello. «Date le numerose vicissitudini progettuali e di cantiere che si sono alternate negli anni - conclude Allorini - la soddisfazione dei cittadini per questo primo ma importante risultato, si unisce alla volontà di monitorare i lavori fino alla loro conclusione, senza altri intoppi».
Melody Fusaro