scarica l'app
MENU
Chiudi
03/07/2019

In arrivo maxi investimento per rilanciare il commercio

QN - Il Giorno

INZAGO DESTINATO A NEGOZI E PICCOLI ARTIGIANI
- INZAGO - BEN 15MILA EURO sul piatto, parte il bando per contributi a negozi e piccoli artigiani. Chi presenterà progetti con le carte in regole potrà ricevere un rimborso del 50% su una spese certificata di tremila euro. Bando con requisiti di trasparenza, e solidale: una premialità del 10% andrà a chi nel pacchetto opere avrà inserito interventi di abbattimento delle barriere architettoniche. Il bando è in pubblicazione in questi giorni, è stato presentato ai commercianti ieri sera, scade il 31 ottobre ed è stato corredato di una retroattività per interventi realizzati dal primo gennaio di quest'anno. «L'OBIETTIVO è ovvio - dice l'assessore al Commercio Carlo Maderna - . Dare una mano al piccolo commercio che attraversa ancora una situazione difficile, e incentivare interventi che possano migliorare le prestazioni dei locali. Vedremo in quanti coglieranno l'opportunità». Il bando elenca con chiarezza quali interventi saranno ammissibili per la richiesta di cofinanziamento: manutenzioni in funzione sicurezza e prevenzione del rischio, dunque anche antifurto, dispositivi antitaccheggio, rifacimento di vetrate, infissi e inferriate; spese per aumentare il decoro urbano, e dunque per l'abbellimento degli esterni dei negozi; spese finalizzate all'efficientamento energetico degli immobili e degli impianti; informatizzazione; abbattimento barriere per i disabili, queste incentivate con una premialità del 10%. Perchè non vi siano equivoci, il bando elenca anche con chiarezza interventi o acquisti per i quali non sarà in alcun modo possibile chiedere finanziamento: acquisto di beni o autovetture, tasse o imposte, spese correnti, salari o stipendi del personale, acquisto di materiale da ufficio, spese di rappresentanza, «sembra tutto scontato - così Maderna - ma il nero su bianco garantisce ulteriormente e funziona sempre meglio». DESTINATARI dell'opportunità sono principalmente i commercianti e gli artigiani. Ogni richiesta di accesso sarà corredata naturalmente da controlli, «così come vi saranno verifiche a posteriori sull'effettiva veridicità degli interventi dichiarati e certificati». Controlli rigorosi sono previsti in fase di ammissione. Sono fuori gioco imprese o esercizi che si trovino in stato di fallimento, morosità o che abbiano qualsiasi guaio con la legge, ed è esclusa da qualsiasi partecipazione la media e grande impresa. Un bando analogo fu promosso l'anno scorso dal comune di Gorgonzola. M.A.