scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
26/11/2020

Imprese, ripartono i ‘bonus’ a fondo perduto

QN - Il Resto del Carlino

di Federico Di Bisceglie FERRARA Cinquecentoquaranta mila euro a favore delle imprese colpite dalle ultime chiusure disposte dal Governo. Il nuovo bando studiato dal Comune nell'ambito del progetto 'Ferrara Rinasce' prende le mosse dalla misura precedente, i cui fondi sono stati erogati tra la prima ondata del Covid e l'estate. Questi ulteriori fondi che la giunta ha deliberato ieri sono l'avanzo del milione e settecento mila euro del primo bando. La misura dell'amministrazione prevede l'erogazione di assegni o da mille o 500 euro, a parziale sostegno delle spese vive che molti si trovano ad affrontare nonostante non possano aprire o siano soggetti alle nuove limitazioni e dall'ingresso in fascia arancione. Per la gestione delle domande - prevista in forma semplificata da portale web - il Comune si avvale ancora del supporto della Sopro. La pubblicazione del bando è attesa nei prossimi giorni sia sul sito istituzionale che su quello della Sipro. Nel complesso, ad oggi, le realtà economiche che hanno ricevuto i contributi (o che ne saranno destinatarie) sono circa milleduecento. Il nuovo bando consentirà anche a nuove categorie di attività, rispetto a quelle identificate dai codici Ateco previsti in precedenza, di poter accedere ai fondi. «L'iniziativa che abbiamo messo in campo è una nuova misura di sostegno per dare un po' di ossigeno a chi è stato duramente colpito dai provvedimenti del governo - dice il sindaco Alan Fabbri -. Non ci fermiamo: stiamo infatti individuando ulteriori risorse e studiando altre misure, ad esempio per sostenere il comparto turistico e le realtà associative (come i circoli ricreativi delle frazioni). Il Comune intende fare la propria parte per sostenere il lavoro e per non lasciare nessuno indietro. Mi auguro che anche il Governo stanzi risorse adeguate e investa sull'occupazione». All'iniziativa plaude anche l'assessore al Bilancio Matteo Fornasini, tra i primi a caldeggiare questo stanziamento di fondi, dopo diversi confronti con le rappresentanze economiche. «Abbiamo realizzato questo bando - afferrma - che prevede contributi a fondo perduto, verificando la compatibilità con la normativa europea sugli aiuti di Stato, che consente la corresponsione di questi contributi solo alle attività di prossimità. Ancora una volta - conclude Fornasini - l'Amministrazione, in tempi rapidi, mette a disposizione risorse proprie per aiutare il tessuto imprenditoriale della città a resistere in un momento difficile. In questo modo vogliamo anche dare un segnale: dobbiamo salvare le imprese se vogliamo salvare il lavoro e l'occupazione».