MENU
Chiudi
23/10/2018

«Imprese polesane fuori dagli appalti degli enti pubblici: rischio di chiusura» `

Il Gazzettino

COSTRUTTORI EDILI
ROVIGO È possibile che un'impresa possa lavorare, anzi, presentare la propria offerta per poter lavorare, solo se è un'impresa fortunata? C'è solo da affidarsi alla sorte, infatti, quando nelle procedure negoziate il numero di manifestazioni di interesse supera quello previsto dalla stazione appaltante: perché, in questi casi, si procede al sorteggio. Con quali conseguenze pratiche?
APPALTO EUROPEO
«Se dovessimo sfogliare le gare indette dalle varie stazioni appaltanti del territorio polesano troveremo che le imprese della nostra provincia invitate a presentare offerte nel 2017 sono state esigue e lo scenario non è cambiato nel 2018». Per questo il presidente dell'Ance (Associazione nazionale costruttori edili) di Rovigo, Paolo Ghiotti, chiede maggior tutela per le imprese del Polesine affinché possano essere messe nelle condizioni, almeno, di formulare la propria offerta per realizzare un'opera pubblica.
L'APPELLO
Il presidente dell'associazione dei costruttori edili polesani di Confindustria Venezia-Rovigo rileva che questa criticità della normativa vigente «è ovviamente sentita, in generale, da tutto il comparto, ma alcune amministrazioni hanno avuto il coraggio di tutelare il proprio territorio adottando provvedimenti, pur rimanendo nell'ambito della legalità, al fine di creare crescita e nuova occupazione locale», precisa Ghiotti.
AZIENDE ESCLUSE
Senza correttivi alla modalità del sorteggio, largamente utilizzata anche in Polesine, la realtà è questa: «Le nostre imprese non sono seconde a nessuno per competenza, esperienza, qualità e know-how», ma «non riescono a lavorare, programmare investimenti e mantenere la propria operatività». Il sorteggio che individua le imprese per l'invito a manifestare il proprio interesse al lavoro da appaltare avviene utilizzando un generatore di numeri casuali, e rispetto a questi avviene la scelta, attraverso l'elenco fornitori della stazione appaltante, in base al numero identificativo che individua in modo univoco ogni operatore economico.
L'ESEMPIO DEI VICINI
Però, altre realtà in territori vicini, ad esempio l'Emilia-Romagna e il Friuli Venezia Giulia, hanno applicato dei correttivi in questo percorso di adeguamento alla disciplina comunitaria sugli appalti pubblici. Così la Regione Emilia-Romagna attribuisce importanza al criterio della distanza chilometrica della sede legale o operativa dell'impresa scelta, ad esempio.
I CORRETTIVI
Se un'impresa aggiudicataria, infatti, ha maggiori costi legati alla distanza dal luogo dell'appalto, la domanda che sorge spontanea è: per non superare i costi ricorrerà a mezzi tali da incidere sulla qualità dell'opera? Ghiotti precisa che il Comune di Arezzo, nell'affidamento dei lavori pubblici fino a 1 milione di euro e sopra la soglia dei 40mila euro, ha indicato ai propri uffici di invitare per ogni procedura negoziata «un numero minimo di operatori di cui almeno il 50 per cento sia rappresentato da imprese operanti nella propria città o in zone limitrofe, garantendo sempre il principio di rotazione. Stessa cosa ha fatto il Comune di Genova, per non parlare della Regione Friuli Venezia Giulia, che da anni tutela il tessuto imprenditoriale regionale».
STAZIONE APPALTANTE
Così, Ance Rovigo è intervenuta direttamente presso le stazioni appaltanti della Provincia di Rovigo per chiedere una maggior attenzione per le imprese del territorio e ha portato «a sostegno di tale richiesta delibere di altri enti, a loro volta sostenute da numerose sentenze nel pieno e totale rispetto della legge». E l'Ance Veneto, allo stesso modo, ha scritto alla Regione segnalando che le imprese venete, rispetto a quelle in Emilia-Romagna e Friuli, non godono di alcuna tutela.
LA RICHIESTA
Il presidente Ghiotti conclude: «Non siamo più disposti a veder morire anche le ultime imprese di Rovigo», e chiede a enti e amministrazioni locali una presa di coscienza verso le azioni segnalate dall'Ance.
Nicola Astolfi

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore