scarica l'app
MENU
Chiudi
09/09/2020

Imprese edili in crisi: numero dimezzato negli ultimi dieci anni l’allarme dell’ance in provincia

Il Secolo XIX - g. v.

Un settore dimezzato nell'arco degli ultimi dieci anni. E nelle ultime due stagioni pre-covid le imprese edili nel Savonese erano calate ancora del 3,2%, con la conseguenza di una perdita di posti di lavoro pari al 4,4%. Poi è arrivata anche l'emergenza coronavirus, che ha inferto l'ultima mazzata. I dati elaborati dall'Ance, l'associazione dei costruttori edili, non lasciano spazio a dubbi: come più volte evidenziato, il settore è in piena crisi. E ora l'ultima speranza è affidata agli incentivi come le agevolazioni fiscali del 110%. Le imprese abilitate alla costruzione di edifici registrate a Savona nel primo trimestre 2019 erano 1318 (di cui attive 1072), nel secondo trimestre 2020 sono scese a 1265 (di cui attive 1052), quindi con un calo di 53 imprese. Appena rieletto alla presidenza dell'Ance di Savona, l'architetto Alberto Formento lo aveva detto chiaro: «Le tiepide aspettative espresse nel 2017 si sono rapidamente trasformate in delusione. E' la conseguenza delle politiche sbagliate degli ultimi anni, che perdurano tuttora: le barriere burocratiche che scoraggiano gli investitori, le politiche infrastrutturali, in un Paese che arretra sempre più. Abbiamo una normativa urbanistica che è ancora sostanzialmente fondata sul Codice del 1942 e il Codice degli appalti pubblici più farraginoso del mondo». L'ultimo Governo ha aperto qualche spiraglio con una serie di incentivi fiscali per favorire le ristrutturazioni e il miglioramento degli edifici. Però sono piombati sul Paese il coronavirus e il conseguente lockdown, con il risultato che molti interventi sono stati portati avanti in modo illegale, ossia lavorando mentre le imprese serie erano ferme e utilizzando lavoratori in nero. Ora che l'emergenza ha dato un po' di tregua, si potrebbe sfruttare la normativa che ha introdotto l'agevolazione fiscale del 110%. Eppure anche in questo caso le burocrazia frena il recupero: dai 38 documenti necessari per cedere il credito a una banca e quindi farsi finanziare l'intervento agli abbinamenti dei lavori di cui bisogna tener conto, il problema delle assemblee di condominio che devono deliberare gli interventi, fino ad arrivare alla difficoltà di avviare le opere pubbliche, su cui conterebbe la maggior parte delle imprese. g. v.