scarica l'app
MENU
Chiudi
11/11/2020

Imprese e Servizi sociali: c’è uno sforzo anti-Covid che vale 800 mila euro

Brescia Oggi

Nei giorni del secondo lockdown il Comune di Desenzano rilancia con una manovra da quasi 800 mila euro (fondi propri) a sostegno di attività e cittadini: il Consiglio comunale ha approvato una variazione di bilancio ad hoc.Nel dettaglio, sono stati stanziati 224 mila euro di cui 100 mila ai Servizi sociali e 124 mila alle Attività produttive: a questi si aggiungono i 400 mila euro - già annunciati - per lo sconto del 10% sulle bollette della Tari (utenze domestiche e non) e altri 100 mila per i parcheggi, che saranno gratuiti tutto il giorno da lunedì prossimo e fino al 6 gennaio. Prolungata al 31 dicembre, inoltre, la gratuità dei plateatici stagionali. Lo sforzo si aggiunge al (quasi) milione di euro di risorse comunali già investito in primavera, a latere dei fondi statali e comunali per l'emergenza Covid. «E abbiamo ancora un'importante riserva - spiega l'assessore al Bilancio, Pietro Avanzi - che utilizzeremo per un'ulteriore variazione a dicembre». Con i 100 mila euro «destinati al sociale - aggiunge l'assessore alle Politiche sociali, Annalisa Colombo - potremo rinforzare di 25 mila euro il fondo affitti comunale, destinare 50 mila euro per buoni spesa e sostentamento alimentare, altri 23 mila per le emergenze». SUL FRONTE delle attività produttive, si ragiona a nuovi bandi differenziati per chi è costretto a una chiusura totale e chi ha dovuto ridurre gli orari: «Non è facile trovare il modo più corretto per dare supporto - ammette l'assessore alle Attività Produttive, Francesca Cerini - ma stiamo valutando alcune proposte utili a ridurre l'impatto della crisi, sia per i gestori che per gli affittuari». Nel frattempo si sono conclusi i bandi, con contributi fino a 300 euro per l'acquisto di Dpi e fino a 7 mila per interventi edili o di riorganizzazione per i centri storici di Desenzano e Rivoltella: alle due iniziative hanno partecipato più di 100 attività. «Abbiamo voluto dare un segnale concreto - la chiosa del sindaco Guido Malinverno - per ribadire, ancora una volta, che non siamo soltanto esattori». © RIPRODUZIONE RISERVATA