scarica l'app
MENU
Chiudi
24/11/2020

Imprenditoria giovanile e turismo Debuttano i bandi extra-agricoli

Eco di Bergamo - andrea taietti

Gal Valle Brembana In campo 230 mila euro per imprese associate alla valorizzazione delle risorse locali e che migliorino la qualità della vita. «Serviranno a ripartire»
Sviluppo delle micro e piccole imprese associate alla valorizzazione delle risorse locali, imprenditoria giovanile e servizi volti a migliorare la qualità della vita. Sono questi i tre ambiti di intervento a cui sono destinati i tre nuovi bandi emessi dal Gal Valle Brembana 2020, per un totale di 230 mila euro di risorse messe a disposizione (ma si confida per finanziare le domande che arrivino, in un'assegnazione aggiuntiva di risorse da parte di Regione Lombardia).

Tre ambiti che possono essere infatti definiti extra-agricoli e rappresentano una prima volta per il Gruppo di azione locale brembano. «Nello specifico - dichiara Lucia Morali, presidente del Gal Valle Brembana 2020 - il bando 6.2.01 "Incentivi per l'avviamento di imprese per attività extra - agricole nelle zone rurali", per il quale sono stati stanziati 60 mila euro, riguarda l'imprenditorialità giovanile, il 6.4.03 "Creazione e sviluppo di attività extra - agricole nelle aree rurali" (50 mila euro) riguarda le micro e piccole imprese di valorizzazione locale, e il 7.4.01 "Incentivi per lo sviluppo di servizi in favore della popolazione rurale" (120 mila euro) riguarda invece il sociale».

La scadenza dei bandi dedicati ai giovani e alle micro e piccole imprese è fissata per il 15 febbraio 2021, mentre quella per il bando rivolto al sociale la scadenza è il 15 marzo. «Lo scopo del bando destinato all'imprenditoria giovanile - spiega Patrizio Musitelli, direttore del Gal - è quello di incentivare i giovani di età compresa tra i 18 e i 40 anni che vorrebbero dare vita o migliorare un'attività di tipo imprenditoriale, produttiva, artigianale o di servizio al visitatore, strettamente correlata ai valori del nostro territorio delle produzioni agroalimentari e della cultura locale e, quindi, incrementare le opportunità occupazionali per chi vive nell'area. Con il bando 6.4.03, invece, vogliamo sostenere la costituzione e lo sviluppo di micro e piccole imprese associate alla valorizzazione delle risorse locali, come l'accoglienza turistica. Mentre con il terzo bando vogliamo sostenere i servizi in ambito socio-assistenziale, culturale, ricreativo e ambientale, necessari per assicurare un'adeguata qualità della vita alle popolazioni delle nostre aree rurali (ambito sanitario, trasporti, comunicazioni, servizi di prossimità, assistenza domiciliare, servizi per infanzia e famiglie e molto altro)». Una svolta importante, che punta anche a essere un aiuto ulteriore in questo momento difficile per l'intera comunità rurale facente parte del Gal stesso. «Serviranno sicuramente - conclude Morali - anche a far fronte e a ripartire in questa situazione problematica che tutti stiamo vivendo a causa della pandemia in atto».

Tutte le informazioni riguardo i bandi sono sul sito www.galvallebrembana2020.it.