scarica l'app
MENU
Chiudi
23/06/2020

Illuminazione e telecamere, lavori al via dal primo luglio

Il Gazzettino

Previsti nuovi lampioni nelle frazioni Rossi: «Circa sessanta nuovi punti luce»
BADIA POLESINE
I lavori per la nuova pubblica illuminazione inizieranno tra pochi giorni con un occhio di riguardo per le frazioni. Fervono i preparativi e si limano gli ultimi dettagli per il via all'intervento che da anni è sul tavolo dell'amministrazione badiese: nuova luce per la città e più sicurezza lungo le strade grazie alla posa di telecamere. Particolare attenzione avranno le frazioni cittadine. «In questi giorni ci siamo impegnati sulla progettualità spiega il sindaco Giovanni Rossi decidendo, in particolare, dove concentrare i nuovi lampioni dato che nel centro città siamo abbastanza coperti. Si parla di una sessantina di nuovi punti luce. In questa fase di lavoro il Comune sta ancora valutando, ma i lavori partiranno a luglio: è confermato. Sono soddisfatto: finalmente a breve si inizieranno a vedere i primi effetti di questa iniziativa».
Il progetto complessivo prevede il cambio di punti luce e pali, di conseguenza anche dal punto di vista estetico si punta a una riqualificazione generale della pubblica. I lavori, come detto, partiranno il primo luglio e dovrebbero finire nel giro di un anno. Nell'intervento sono comprese anche delle telecamere per assicurare maggiore sicurezza e varchi per sorvegliare i punti di accesso al centro. In queste ore il lavoro di approfondimento non è mancato, specie in considerazione delle soluzioni proposte da Elettrocostruzioni di Rovigo, risultata assegnataria del bando per la pubblica alla fine del 2019. Il progetto della nuova illuminazione era uno dei più ambiziosi che si prefiggeva anche la precedente amministrazione.
ITER COMPLESSO
Dopo una serie di accelerate e frenate, l'iniziativa era finalmente approdata al vaglio della Stazione unica appaltante della Provincia. A quel punto si è passati alla pubblicazione del bando. L'appalto si realizzerà attraverso la trasformazione e la modifica degli impianti di pubblica illuminazione, con l'integrazione del sistema di videosorveglianza urbana e ulteriori punti di ripresa. Gli impianti di illuminazione pubblica e di videosorveglianza saranno quindi oggetto di interventi di efficientamento e adeguamento normativo.
PROTEZIONE CIVILE
Anc di nuovo protagonista con un'esercitazione dedicata alla torre faro. Oggi, dalle 9 alle 10, i volontari di Badia con la collaborazione del formatore di Protezione civile Massimo Turcato, autorizzato dal coordinatore del distretto Ro5 Flavio Rizzi, testeranno la nuova torre faro nello spazio davanti la sede operativa del nucleo, in via Don Minzoni. «Lesercitazione fanno sapere dal gruppo di volontariato - si inserisce nel programma di test sulle attrezzature e delle capacità operative dei soccorritori».
La torre faro carrellata dotata di generatore è una delle più recenti attrezzature in dotazione del gruppo Polesine che lo scorso anno si è aggiudicato un bando regionale per l'acquisto di strumenti dedicati allattività di protezione civile. I volontari si sono poi distinti durante il lockdown distribuendo le mascherine casa per casa e con la consegna di spesa e farmaci alle persone senza una rete familiare. Un impegno che è proseguito post Covid con la distribuzione dei filtri protettivi in centro e frazioni e con la sorveglianza agli accessi del mercato settimanale.
Federico Rossi