scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
31/08/2021

Il Tar riassegnai lavori alla ditta prima esclusa

Gazzetta del Sud

Cosenza P rovinc ia Cassano, interventi in una scuola
Cassano, interventi in una scuola Il Tar riassegnai lavori alla ditta prima esclusa
Luigi Cristaldi CASSANO Il Tar della Calabria ha riassegnatol' appalto dei" Lavori di adeguamento strutturale antisismico della scuola primaria di via San Nicola di Lauropoli" al consorzio stabile Octopus di Cosenza. Il Tribunale amministrativo di Catanzaro, prima sezione (in composizione: Presidente Giancarlo Pennetti ed estensore Francesca Goggiamani), con sentenza emessa in questi giorni, in accoglimento delle tesi difensive presentati dagli avvocati Oreste Morcavalloe Elisabetta De Marco in rappresentanza del consorzio stabile Octopus, ha ritenuto fondato il ricorso proposto contro il provvedimento di aggiudicazione all'associazione temporanea di imprese Consor-Imc (difeso dall' av vocato Francesco Lombardi).I giudici amministrativi hanno quindi disposto che il Comune di Cassano provveda all' aggiudicazione in favore dell' impresa che aveva impugnatol' assegnazione alla seconda aggiudicataria. L' appalto in questione, gestito dalla Provincia di Cosenza, risale allo scorso 2019e le due imprese in questione erano le uniche due ad aver presentato domanda. La Octopus, ditta aggiudicataria definitiva della gara perl'adeguamento strutturale antisismico della scuola primaria di San Nicola ha impugnato il provvedimento di revoca dell' aggiudicazione, in quantol' interdittiva antimafia che la aveva colpita (e che era stato il motivo di revoca dell'appalto) era stata superata dall'ammissionea controllo giudiziale,el'affidamento ad altra impresa, contestando il progetto proposto da quest' ultima in quanto contenente una variante non consentit a.I rilievi sono stati condivisi dai giudici amministrativi, i quali hanno riconosciuto all'ammissione al controllo giudiziale carattere retroattivo, per cuil' ente comunale non poteva adottare la revoca dell' aggiudicazione. Ancora il Tar ha riconosciuto che la variante offerta dalla ditta nuova affidataria non era consentita in quanto non prevista dal disciplinare di gara. Su tali motivazioni il Tribunale amministrativo regionale ha annullatol' aggiudicazione disponendo che il Comune proceda all' affidamento in favore dell'impresa che aveva proposto il ricors o. © RIPRODUZIONE RISERVATA Il ComuneL' Ente deve affidarei lavori all' impresa che aveva proposto il ricorso