MENU
Chiudi
01/08/2018

«Il sistema appalti è da cambiare» Cna apre un tavolo per evitare i disagi

La Nuova Ferrara

Il pasticcio dei lavori in Superstrada deve far riflettere «Il massimo ribasso crea problemi a imprese e cittadini» bandi di gara
di Gian Pietro ZerbiniLa Cna propone di dare vita ad un piano straordinario di manutenzioni delle infrastrutture della provincia di Ferrara di concerto tra Anas, Provincia, Comuni, con il sostegno e la partecipazione delle associazioni imprenditoriali e sindacali allo scopo anche di dare vita ad un fondo provinciale di risorse destinato a tale scopo. Ecco quindi che dal presidente provinciale Davide Bellotti e dal responsabile del settore costruzioni Riccardo Roccati arriva una proposta per un tavolo comune dove si chiede di rivedere anche il sistema degli appalti per non creare disservizi ai cittadini.I disagi sulla Ferrara-MareEd il caso scatenante di questa iniziativa è quello derivato dalla chiusura di tratti della superstrada Ferrara-Mare per sistemare buche e voragini, che ha creato secondo i vertici della Cna grossi disagi ai cittadini per via di un appalto non oculato.Cambiare il metodo«Occorre andare oltre la logica dell'emergenza e le visioni breve periodo - dichiara Bellotti - per introdurre scelte più strutturali in grado di affrontare realmente la priorità attraverso politiche e investimenti adeguati.Una logica sbagliata«Il sistema degli appalti per lavori - dichiara Roccati - è ancora gestito e messo a bando dalle stazioni appaltanti con la logica del massimo ribasso, ovvero vince chi offre lo sconto maggiore. Detto in questo modo sembrerebbe un sistema molto giusto e logico, ma i fatti purtroppo dimostrano l'esatto contrario. Ancora troppe e troppe volte vediamo che le gare bandite escono con prezzi a base d'asta che non sono correlate a valori analitici di mercato, ma alla capacità di finanza delle stazione appaltanti, ovvero a capacità molto ridotte. In poche parole ancora in troppi casi le gare vengono bandite già ribassate. Ma non è finita, immaginate i prezzi dopo l' aggiudicazione, ovvero attraverso un sistema cogente che non permette offerte in aumento ma obbliga le imprese ad eseguire un ulteriore sconto sul prezzo a base d'asta e ad aggiudicarsi i lavori con il "ribasso del ribasso". Il nuovo codice degli appalti sta creando tanti problemi, meglio il vecchio regolamento».Appalti di sostenibilità «Gli appalti - continuano i rappresentanti della Cna - bisogna saperli declinare partendo dalla loro sostenibilità economica e sociale, ovvero non possono più essere basati solo sulla logica perversa del massimo ribasso, ma sulla sostenibilità economica dei lavori, sulla concorrenza correlata al suo reale mercato di riferimento, sul rispetto dei contratti edili, sul rispetto dell'ambiente, sulla sicurezza dei luoghi di lavoro e altra cosa fondamentale di cui non si parla mai, sul tipo di servizio da offrire ai cittadini». -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore