MENU
Chiudi
09/11/2018

«Il sindaco Ripoli si è appropriato del lavoro che è stato fatto da altri»

La Gazzetta Del Mezzogiorno

SCANZANO J. SCARAMUCCIA TRA OPPOSIZIONE E L'AMMINISTRAZIONE CHE RIBATTE: L'EX PRIMO CITTADINO FA CAMPAGNA ELETTORALE
Inaugurata la complanare sud della 106 e Iacobellis accusa
FILIPPO MELE l SCANZANO JONICO. È stata inaugurata nei giorni scorsi l'apertura della complanare Sud della statale 106 Jonica nella frazione di Terzo Cavone. Taglio del nastro, da parte del sindaco Raffaello Ripoli (Movimento civico scanzanese) seguito dalle polemiche scatenate dall'ex primo cittadino Salvatore Iacobellis (Leu). «Dopo lunghi anni di attesa - ha sostenuto l'amministrazione in carica dal giugno 2016 sono giunti a conclusione i lavori della complanare di valle, nel tratto via delle Vittorie, statale 106 lato Cavone. Lavori iniziati nel 2017 e conclusi nell'ottobre 2018. L'Ufficio competente ha ripreso un residuo di finanziamento del 2013, somme impegnate ma inspiegabilmente inutilizzate fino al 2016, e su nostra indicazione è stato possibile realizzare l'opera. Un'azione che consentirà al borgo di Terzo Cavone di essere facilmente raggiungibile e di uscire da un isolamento che durava da troppo tempo. Un'opera di straordinario valore strategico che assieme alla Zes relativa all'area ex Centrale del latte (praticamente circondata dalla nuova infrastruttura, ndr) consentirà la rinascita della frazione». Ma Iacobellis, rivolgendosi direttamente al suo successore, dice: «Egregio sindaco le faccio notare che per attribuirsi la paternità di un lavoro pubblico è necessario avere l'idea progettuale, redarre il progetto, trovare il finanziamento, acquisire le autorizzazioni, redarre il piano esecutivo. Ora non una delle opere che sono in cantiere a Scanzano Jonico od in appalto o finanziate recano la sua firma. Sarebbe buona norma quando ci si appropria di un lavoro altrui citarne la paternità. Lei sta solo completando quanto da me progettato e finanziato». La replica è del vice sindaco, Sabato Santolo , essendo il primo cittadino impegnato a Roma: «Iacobellis vuole candidarsi alle elezioni regionali e perciò cerca visibilità. Nello specifico dico che quel progetto è stato riapprovato, sono state rifatti gli espropri ed indetto un appalto che non era mai stato fatto. Un lavoro dimenticato nel cassetto anche se aveva un'uti lità immensa per i cittadini rispetto ai 560 mila euro di importo totale. Noi abbiamo ripreso un impegno di spesa del 2013 e siccome nel 2016 era venuto fuori il nuovo codice degli appalti con nuove regole ecco la necessità di riapprovare il tutto prima di cantierizzare l'opera pubblica resa fruibile in un solo anno». TERZO CAVONE La complanare sud inaugurata

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore