scarica l'app
MENU
Chiudi
18/09/2018

IL RETROSCENA ROMA Si riparte dal «salvo intese». …

Il Gazzettino

IL RETROSCENA
ROMA Si riparte dal «salvo intese». Ma è proprio quest'ultima parola che manca sulla vicenda Genova: non c'è ancora un accordo all'interno della maggioranza di governo su chi dovrà essere il commissario per la ricostruzione. E, soprattutto, nel decreto approvato giovedì scorso in Consiglio dei ministri mancano ancora le coperture per il futuro del Morandi. Un busillis non da poco sul quale stanno lavorando gli uffici legislativi di Palazzo Chigi. Perché la versione «tanto lo pagherà Autostrade» è semplice da enunciare su Facebook, ma molto più complicata da mettere nero su bianco, visto che poi il provvedimento sarà bollinato dal Quirinale. E poi sottoposto al via libera dell'Unione europea per chiedere la deroga sul codice degli appalti.
IL VERTICE
Dunque l'incontro di questa mattina tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il governatore Giovanni Toti e il sindaco Marco Bucci sarà all'insegna della condivisione, certo. Ma con tanti nodi ancora da sciogliere. Si parte dal commissario. Si fa strada l'ipotesi che gli amministratori liguri facciano parte di un comitato di coordinamento e che il commissario sia una figura tecnica con competenze di logistica e di economia. Raccontano dal governo: «La partita ponte d'altronde vale 1 miliardo di euro». La linea di Conte, che tanti attriti ha prodotto in questi giorni, rimane quella di virare su un tecnico facendo sponda con il ministro dell'Economia Giovanni Tria. In questo modo non ci sarebbe un commissario più politico come Toti (che piace alla Lega) o come un esponente legato al M5S.
Proprio Conte ieri è stato abbastanza chiaro: «E' previsto che il commissario sia nominato con decreto del presidente del Consiglio entro 10 giorni dall'entrata in vigore del decreto per Genova. Alto, bello, biondo, occhi blu? Vediamo, aspettiamo ancora». La verità, ammette l'inquilino di Palazzo Chigi, è che «non abbiamo ancora l'identikit preciso ma sarà sicuramente colui che ci garantirà di realizzare il ponte quanto prima: ci interessa il risultato». E qui si ritorna al piano d'azione. Anche perché in maniera non proprio laterale c'è tutta la vertenza aperte con Autostrade. Affermano fonti governative che in questo decreto non ci saranno provvedimenti sulla revoca della concessione ad Autostrade. Sarebbe troppo rischioso e bloccherebbe, per via dei ricorsi, la ricostruzione. Al massimo potrebbe spuntare un accenno alla decadenza della concessione, ma sarebbe più che altro un vessillo politico da far sventolare al M5S.
In verità la maggioranza è ancora abbastanza divisa su tutto. L'unica linea comune riguarda chi rifarà il nuovo ponte. E non sarà Autostrade (assicurano in coro Lega e M5S) che però potrebbe intanto pensare alle demolizione dei tronconi rimasti. Il lavoro del viceministro ai Trasporti Edoardo Rixi - che ha rifiutato il ruolo di commissario - e del titolare Danilo Toninelli va verso la creazione di un consorzio di imprese che sarà capitanato da Fincantieri. Ma sono appunto progetti che ancora devono essere fissati sulla carta, visto che ormai tra versioni originali e apocrife del decreto ne sono girate a bizzeffe.
IL GOVERNATORE
In questa partita Giovanni Toti va all'attacco. E questa mattina proporrà a Conte la «divisione dei poteri dei commissari», visto che il governatore al momento ha anche la delega all'emergenza. Per fare in modo che la figura scelta da Palazzo Chigi non lo esautori nelle competenze. Il clima tra Toti e il governo è comunque abbastanza teso. Si spiega anche così la battuta su Danilo Toninelli: «Ogni sorriso è fuoriluogo», in riferimento appunto alla gaffe di qualche giorno fa in tv vicino al plastico del Morandi. La tensione è forte. Anche perché sia Lega sia M5S sanno che intorno al ponte si gioca l'autorevolezza del governo e qualsiasi ulteriore passaggio a vuoto potrebbe essere utilizzato in campagna elettorale.
E oggi Toti porterà con sé a Palazzo Chigi un simpatico cadeau: il progetto della Gronda, infrastruttura da sempre avversata dal M5S.
Simone Canettieri
© RIPRODUZIONE RISERVATA