scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
22/07/2021

«Il Pnrr è l’ultima chance per rilanciare gli appa…

QN - Il Resto del Carlino

NOI CESENATI
«Il Pnrr è l'ultima chance per rilanciare gli appalti pubblici a misura di Pmi e rimediare alle criticità del codice dei contratti pubblici». Lo rimarca Confartigianato che sottolinea il 'fallimento' del Codice nato nel 2016 e fa il punto sulle aspettative delle piccole imprese. «A distanza di cinque anni - dice il gruppo di Presidenza Confartigianato cesenate (Daniela Pedduzza, Stefano Ruffilli e Marcello Grassi) -, il codice dei contratti pubblici è inattuato, gli elementi di novità, pure positivi, sono rimasti inattuati, le manutenzioni non sono state fatte, i cantieri non sono stati aperti e la auspicata qualificazione delle stazioni appaltanti non è mai arrivata. In questo periodo, troppe imprese hanno chiuso e troppi lavoratori hanno perso il posto di lavoro. Ora siamo alla svolta, è la nostra ultima occasione, o facciamo sul serio o perdiamo le risorse che arrivano con il Pnrr». La prova d'appello e le aspettative di Confartigianato ora sono riposte nel Decreto Semplificazioni. «Le nostre richieste di modifica- continua il Gruppo di Presidenza cesenate -, sono le seguenti: abrogazione dell'obbligo di applicazione del contratto del contraente principale e applicazione da parte del subappaltatore del contratto collettivo di settore di riferimento; attenuazione delle norme sulle pari opportunità, generazionali e di genere (eliminazione dell'obbligo della relazione di genere per le imprese che occupano un numero inferiore a 15 dipendenti; semplificazione per le micro e piccole imprese; abolizione del regime sanzionatorio; abolizione dell'obbligo per la Stazione appaltante di motivare il mancato inserimento delle clausole); rafforzamento della suddivisione degli appalti in lotti; ripristino del divieto di appalto integrato; obbligo di inserire clausole di revisione del prezzo».