scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
01/07/2021

Il Pd bresciano compatto: Codice Appalti da rivedere

Brescia Oggi

IL PRESSING Il leader provinciale: «Ci sarà un calo di professionalità»
I Democratici chiedono che venga superato l'articolo 177 del testo «A rischio posti di lavoro»
Il segretario provinciale del Pd Michele Zanardi parla di «perversione normativa» invocando il superamento dell'articolo 177 del Codice degli Appalti. Le ragioni della richiesta le illustra Andrea Curcio, consigliere comunale a Palazzo Loggia e membro della direzione provinciale dei Democratici. «Dopo una serie di proroghe è prevista per fine anno l'introduzione della norma che prevede per i soggetti concessionari diretti di lavori, servizi o forniture pubbliche, l'obbligo di esternalizzare l'80% degli stessi tramite gara ad evidenza pubblica nel caso in cui la concessione superi l'importo di 150mila euro». All'esternalizzazione dovranno sottostare tutte quelle aziende che oggi agiscono con personale e tecnologie proprie in settori come energia, sistema idrico, gas, ambiente (raccolta rifiuti) e trasporti.Il Pd bresciano, così come le organizzazioni sindacali, denuncia le ricadute negative in termini occupazionali e di qualità dei servizi erogati. «Ci aspettiamo a livello nazionale una perdita di posti di lavoro dalle 145 alle 170 mila unità - sottolinea Curcio - Con riflessi pesanti anche sul nostro territorio per ciò che concerne multiutility come A2A, LGH e Chiari Servizi». Marianna Dossena, responsabile del dipartimento economia della federazione Dem, pone l'attenzione sul «rischio di impoverimento delle infrastrutture per minori investimenti, di perdita della specializzazione tecnica garantita dalle aziende del settore e di un probabile incremento delle tariffe». Il vicesegretario provinciale Massimo Reboldi, a nome dell'intero partito, invita «tutti gli attori politici, nazionali e locali, ad impegnarsi affinché si possa superare l'attuale formulazione dell'articolo 177 del Codice degli Appalti». Michele Zanardi ragiona sulla «difesa dei diritti sacrosanti dei lavoratori potenzialmente penalizzati dal provvedimento», categoria protagonista nella giornata di oggi di uno sciopero generale. «Si deve avere il coraggio di dire che parlare in questo ambito di esternalizzazione significa innescare un meccanismo di appalti su appalti, pagando meno il lavoratore a fronte di un calo delle professionalità», spiega.. M.Zap.