MENU
Chiudi
06/12/2018

«Il nuovo ospedale pronto in tre anni» Spesa da 14 milioni

QN - Il Resto del Carlino

di LUCIA GENTILI L'UFFICIO speciale per la ricostruzione sta valutando la congruità del progetto di massima presentato dall'Asur sul nuovo ospedale di Tolentino. La spesa prevista è di 14 milioni e mezzo. Un parere che dovrebbe essere positivo, essendoci già stato un incontro preliminare tra i vertici dell'azienda e l'Usr. «Dopo le feste di Natale, salvo imprevisti, la stazione unica appaltante delle Marche, Suam, procederà alla pubblicazione del bando per individuare l'ingegnere progettista - ha spiegato ieri il direttore dell'Area Vasta 3 Alessandro Maccioni, in occasione della posa della targa dedicata al dottor Nicola Comi -. Con il progetto esecutivo saranno determinate con precisione le spese. Poi verrà effettuata la gara d'appalto e potranno iniziare i lavori. Da qui a massimo tre anni il nuovo ospedale dovrebbe essere realizzato. Intanto comunque i servizi territoriali continuano a essere garantiti». Eccetto la lungodegenza. Erano presenti, oltre alla famiglia Comi, il sindaco Giuseppe Pezzanesi, la direttrice del distretto di Macerata Giovanna Faccenda, il presidente Assm Stefano Gobbi e l'amministratore delegato Graziano Natali (il consultorio dopo il sisma è tornato a Tolentino nei locali di viale XXX Giugno, messi a disposizione dall'Assm), politici e il personale sanitario e amministrativo Asur. A GIUGNO, nei locali dell'ex farmacia comunale sono stati inaugurati nuovi spazi per l'ambulatorio cardiologico ed è stata riattivata la radiologia, sospesa dopo il terremoto, per un investimento totale di 651.100 euro, di cui 362mila per attrezzature mediche. Il servizio di diagnostica per immagini è dotato di attrezzature all'avanguardia, come un mammografo digitale con tomosintesi (permette di accertare tumori al seno anche in fase precocissima e nei casi più difficili di seni densi, come quelli giovanili). Nel vicino distretto il punto prelievi, punto di primo intervento, dialisi e gli altri ambulatori. Ma, rispetto a prima del sisma, mancano i 50 posti letto di lungodegenza previsti per un ospedale di comunità. Incerti ancora i tempi della demolizione. La nuova struttura sarà costruita su due piani più un seminterrato; i quattro piani attuali, danneggiati dal sisma, sarebbero sprecati. Per questo, invece di 7.500 metri quadrati, l'ospedale ricostruito avrà una superficie minore. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore