scarica l'app
MENU
Chiudi
05/09/2018

Il muraglione di San Floriano farà riscoprire la sala-bunker

Il Piccolo di Trieste

Indetta la gara d'appalto per il rivestimento in pietra e il recupero di piazza Libertà Sotto il monumento ai caduti il recupero del sito con un piccolo spazio espositivo la riqualificazione
Marco Bisiach / san florianoIl cuore di San Floriano del Collio si rifà il trucco e si prepara ad accogliere anche un piccolo nuovo e originale spazio espositivo. È pronto infatti a partire l'intervento di riqualificazione della centralissima piazza Libertà e di alcuni elementi di arredo urbano nelle strade limitrofe, finanziato dalla Regione per 300 mila euro.Il Comune ha indetto la gara d'appalto, il 20 settembre verranno aperte le buste e affidati i lavori, che si concentreranno essenzialmente su tre direttrici: innanzitutto il rivestimento in pietra, a fine estetico, dei grigi muraglioni di cemento armato che costeggiano le strade che portano in piazza, e la sostituzione dei vecchi guard rail in acciaio zincato, che lasceranno il posto a soluzioni in legno e acciaio al tempo stesso moderne e rustiche, sullo stile di quelle che spesso si possono ammirare sulle strade di montagna.Nel caso dei muraglioni il materiale prescelto sarà la pietra arenaria locale, e il progetto prevede anche di ripulire e dunque riportare all'antico splendore le porzioni di muro che già in passato sono state rivestite in materiale pregiato. Tutto questo si dovrà armonizzare con l'esistente, valorizzando - come si legge nella relazione illustrativa dell'intervento - "le peculiarità storiche e paesaggistiche" di quello che è a buon diritto considerato uno dei gioielli del Collio. E qui veniamo al secondo degli interventi in programma, ovvero il ripristino della pavimentazione di piazza Libertà, realizzata in parte in lastre di pietra d'Aurisina e in parte in cubetti di porfido, dove il tempo, i fattori atmosferici e il passaggi di automobili e mezzi pesanti hanno creato dei danni. Contemporaneamente verranno posizionati piccoli punti luce incassati nella pavimentazione, simili a quelli già esistenti, e sarà posata pietra d'Aurisina anche nel tratto di strada che conduce alla piazza e che oggi è ricoperto d'asfalto.Una curiosa e interessante novità: il recupero e la valorizzazione della piccola sala che si trova esattamente al di sotto del monumento ai caduti, la cui scalinata d'accesso verrà a sua volta rivestita in pietra. «Si tratta di uno spazio molto piccolo - dice il sindaco di San Floriano, Franca Padovan - ma che attraverso i lavori vogliamo valorizzare, e che potrebbe ospitare magari un'esposizione fotografica sulla tragedia della Seconda guerra mondiale. Intanto i nostri operai hanno già provveduto alla pulizia del monumento». I lavori sono destinati dunque a partire a inizio ottobre, con la ditta che avrà tre mesi di tempo per chiudere il cantiere, e il nuovo volto del cuore di San Floriano che sarà pronto dunque entro l'inizio dell'anno nuovo. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI