scarica l'app
MENU
Chiudi
09/06/2020

“Il modello Morandi per la Siena-Grosseto”

Corriere di Siena

Il sindaco scrive al governo romano e a quello regionale per le infrastrutture
De Mossi: "Completiamo subito la strada per il mare Regione e Anas dicano se l'Autopalio è davvero sicura"
di Alessandro Lorenzini SIENA • Manutenzione, completamento, sistemazione e riqualificazione delle infrastrutture c o m e chiavi per il rilancio turistico (e quindi economico) della città. E' questa u n a delle idee che vuole portare avanti il sindaco Luigi De Mossi nella fase post emergenza Covid, per affrontare le complicate questioni econ o m i c h e che si troveranno di fronte tanti operatori del territorio. Per questo il primo cittadino di Siena h a inviato due lettere ufficiali nella giornata di ieri: u n a al presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, e al ministro delle infrastrutture, Paolo De Micheli. L'altra è stata spedita al presidente della regione, all'assessore regionale alle infrastrutture, al presidente e all'amministratore delegato di Anas, al presidente e all'amministratore delegato delle ferrovie. In entrambe, in sostanza, si chiede il miglioramento immediato (attraverso u n a celere partenza dei cantieri) delle infrastrutture che collegano Siena: avere arterie migliori significa avere maggiori possibilità di attrarre turisti, in u n a fase di difficoltà dove la scelta di u n luogo di vacanza p u ò dipendere a n c h e dalla facilità di collegamenti. N o n solo: migliorare i collegamenti significherebbe dare u n a m a n o all'economia locale, in termini di export e import e anche favorire, attraverso i lavori stessi, aziende del territorio, naturalmente senza infrangere le n o r m e sugli appalti pubblici. Questioni che investono Siena, m a n o n solo: sono coinvolti anche i territori della Toscana del Sud e della provincia. GOVERNO A Conte e a De Micheli il prim o cittadino chiede la possibilità di parificare la Siena Grosseto al p o n t e Morandi per quanto riguarda la sburocratizzazione delle procedure per i cantieri, in m o d o da completare la parte di strada che deve essere ancora raddoppiata. "In considerazione dell'eccezionale clima di emergenza - scrive De Mossi - determinato dalla p a n d e mia e dai lunghi anni trascorsi per il completamento della E78 Grosseto-Fano, vi chiedo se gli ultimi lotti (9 e 4) possano usufruire delle agevolazioni, in termini di appalti, legati alla vicenda del ponte Morandi a Genova. Tutto ciò al fine di consentire u n più agile deflusso e favorire il turismo interno, anche per recarsi presso le coste del basso Tirreno che potrebbe incrementare e implementare l'economia sia della mia città che di tutte le zone costiere". Per il p o n t e Morandi sono state previste, fra le altre cose, agevolazioni per gli imprenditori locali, oltre a tutte quelle comprese nel così detto "decreto GeREGIONE A Enrico Rossi, presidente della Toscana, e a Vicenzo Ceccarelli, assessore alle infrastrutture, oltre che ai vertici Anas (che ha competenza per la Siena-Firenze), De Mossi chiede invece "informazioni in ordine allo stato manutentivo del raccordo autostradale Autopalio e in particolare se sussistano le condizioni di sicurezza per l'attraverso dei numerosi cavalcavia che si trovano su tutto il percorso". Nella missiva il sindaco di Siena prosegue c h i a m a n d o in causa le ferrovie: "Nel caso in cui n o n vi siano certezze che la strada, i ponti e i cavalcavia n o n garantiscano gli adeguati standard di percorrenza agli attuali canoni di sicurezza, si chiede fin da ora che le ferrovie provvedano a incrementare il n u m e r o delle corse sulla tratta ferroviaria Siena-Firenze, senza fermate intermedie per consentirne l'arrivo da e per Siena con costante e sicura percorrenza". "Tutto ciò ricorda Luigi De Mossi - indip e n d e n t e m e n t e dall'esistenza di u n piano di m a n u t e n zione sul detto percorso, poiché la sicurezza delle strutture si declina sull'attualità". Alternativa Incrementare le corse ferroviare necessarie per raggiungere Firenze

Foto: Infrastrutture Il sindaco De Mossi ha scritto al governo centrale ed a quello regionale Immediati lavori pubblici possono aiutare le aziende e l'ulteriore sviluppo del turismo