scarica l'app
MENU
Chiudi
01/09/2020

Il Mibact ha detto sì Il cantiere di Villa Mensa adesso può riaprire

La Nuova Ferrara

Il sindaco Pagnoni: «I lavori ripartono a metà settembre L'obiettivo è finire entro l'anno» Rimangono da completare rifiniture e impiantistica copparo
COPPAROLa tanto attesa nota del Mibact è finalmente arrivata: il cantiere di Villa Mensa può riprendere. L'autorità di gestione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo ha preso atto degli interventi che si sono resi necessari in corso d'opera per risolvere aspetti di dettaglio e per prevenire e ridurre i pericoli di danneggiamento o deterioramento. Acquisisce inoltre il parere del Rup secondo cui "tali lavorazioni non modificano qualitativamente l'opera e il progetto esecutivo approvato e non comportano una variazione in aumento o in diminuzione superiore al 20% del valore di ogni singola categoria di lavorazione, nel limite del 10% dell'importo complessivo contrattuale, apportando variazioni alla tipologia di alcuni materiali di finitura da impiegare nell'uso degli spazi esterni, per un migliore rispetto tipologico e di preservazione del bene tutelato, a seguito di accordi presi con i funzionari della Soprintendenza archeologica e neni culturali della Provincia di Ferrara, verbalizzati durante le visite al cantiere datate 30 settembre e 15 ottobre 2019". A fine novembre 2019 i lavori furono sospesi, con la previsione di ripresa a febbraio, per redigere una perizia di variante legata a necessità emerse in corso d'opera per 30mila euro (il 3% del totale), in conformità con il Codice degli appalti. Inviata a Roma la perizia, dato che i finanziamenti rientrano nel programma Ducato Estense, il Mibact ne ha chiesto una rimodulazione, che è stata presentata ad aprile, quindi una relazione del direttore lavori e una del Rup. Tutto il materiale è stato inviato, mancava "solo" il via libera. Motivo di recenti proteste del Pd. I tempi«Siamo soddisfatti di poter riprendere le opere - spiega il sindaco Fabrizio Pagnoni -. Durante la settimana entrante sarà completato l'iter per l'approvazione della perizia di variante. Nel frattempo è già stata contattata l'azienda per poter riaprire il cantiere a metà settembre, con l'obiettivo di concludere entro l'anno». Sono infatti terminati il consolidamento strutturale e le opere infrastrutturali di distribuzione degli impianti, ma si dovrà mettere mano alle finiture, come la pavimentazione del loggiato all'esterno e del salone all'interno, e all'impiantistica vera e propria. --© RIPRODUZIONE RISERVATA