scarica l'app
MENU
Chiudi
21/07/2020

Il magistrato Alberto Di Pisa: «Paolo Borsellino è stato ucciso per mafia appalti»

Il Dubbio - DAMIANO ALIPRANDI

Il 19 luglio di 38 anni fa la strage di via D'Amelio
ALLE PAGINE 8 E 9 INTERVISTA ALBERTO DI PISA RIPERCORRE GLI ANNI DEL POOL ANTIMAFIA E DELLE SUE INDAGINI «Paolo Borsellino è stato ucciso per la questione mafia appalti» DAMIANO ALIPRANDI «Proprio il giorno dell'attentato di Via D'Amelio Paolo Borsellino aveva urgenza di parlarmi, ma purtroppo non c'ero quando era passato a cercarmi». A raccontarlo a Il Dubbio è il dottor Alberto Di Pisa, magistrato di lungo corso che aveva fatto parte del pool antimafia fin dagli albori. Ha lavorato a stretto contatto con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, ed è stato tra i giudici che istruirono il maxiprocesso. Ha svolto importanti inchieste come l'omicidio del sindaco di Palermo Giuseppe Insalaco, iniziò il processo Ciancimino, che gli fu affidato come singolo e non come componente del pool. Avviò anche una inchiesta sui grandi appalti di Palermo gestiti dall'allora ben noto "comitato d'affari". Gliele tolsero tutte di mano per via dell'accusa - poi conclusasi con una piena assoluzione - di essere stato l'autore della lettera del "corvo". In particolar modo l'inchiesta su mafia e appalti palermitani, passata di mano per volere dell'allora capo della procura di Palermo Pietro Giammanco, finì per essere archiviata. Nel 2016, dopo 45 anni di attività giudiziaria, ha riposto la sua toga per limiti di età. A 72 anni ha lasciato l'ufficio di procuratore di Marsala, un posto che prima ancora fu occupato da Borsellino. Recentemente ha pubblicato un nuovo libro dal titolo "Morti opportune" dove analizza alcuni decessi sospetti come i suicidi, infarti, incidenti stradali, ma che riguardano persone che appartengono alle forze dell'ordine e ai servizi segreti. Morti che sarebbero state archiviate troppo frettolosamente. Dottor Di Pisa, lei conosceva molto bene Paolo Borsellino? Sì, eravamo in ottimi rapporti. Sia al livello professionale visto che abbiamo lavorato assieme nel pool antimafia, sia al livello umano. Inoltre abbiamo anche una parentela in comune. Purtroppo hanno scritto di tutto, anche che i miei rapporti con Falcone e Borsellino non erano idilliaci. Eppure, per quanto riguarda Giovanni Falcone basterebbe leggere i verbali di quando fu sentito al Csm. Alla domanda quali fossero i rapporti con me, lui rispose che erano ottimi e professionali. Non solo, quando io fui nominato procuratore aggiunto a Palermo, Falcone venne a trovarmi per congratularsi e dirmi che avremo lavorato insieme. Ritornando a Borsellino, sa cosa mi disse quando uscì l'articolo di Repubblica dove si scrisse che io sarei stato l'autore della lettera del "corvo"? No, mi dica. Mi disse che non ci avrebbe creduto nemmeno se lo avesse visto con i propri occhi che quell'anonimo l'ho scritto io. Quella vicenda, mi creda, la vorrei cancellare dalla mia mente. Tutto iniziò quando Totuccio Contorno venne arrestato a San Nicola l'Arena. Arrivò segretamente a Palermo quando era già collaboratore di giustizia negli Stati Uniti. Era sotto protezione, ma giunse in Sicilia nel periodo in cui si stava verificando un regolamento di conti all'interno della mafia. Io stesso, in una riunione dove erano presenti tutti i miei colleghi del pool, dissi apertamente che bisognava fare delle indagini per capire come fosse possibile che un collaboratore di giustizia fosse impunemente tornato in Sicilia. Ricordo che proprio in quel periodo Tommaso Buscetta disse che Contorno è stato pregato di tornare a Palermo, ma poi ha ritrattato questa sua affermazione. Poi arrivò la lettera del "corvo" che in sostanza puntò gravissime accuse nei confronti anche di Falcone e Giovanni De Gennaro, l'allora dirigente superiore della Polizia. A quel punto è stato lei a farne le spese. Dovrò aspettare quattro anni prima di essere definitivamente scagionato dall'accusa di essere il "corvo" di Palermo. L'accusa nasce dalla costruzione di una pseudo prova. L'allora alto commissario Domenico Sica mi prese le impronte sul tavolo di vetro sul quale tamburellavo con le dita. In realtà, come ben spiegato nelle motivazioni della sentenza di assoluzione, non c'è mai stata una mia impronta sulla lettera anonima, ma solo la foto di un'impronta costruita a tavolino. Nella lettera c'è solo una macchia, probabilmente un pasticcio da chi ha cercato invano di trasferirle la mia impronta. Tra l'altro denunciai Sica per abuso di potere, perché quell'indagine doveva essere eseguita dalla Polizia giudiziaria e non da un organo amministrativo. Ma secondo lei chi è stato l'autore del "corvo"? Basta leggere la sentenza di assoluzione. Dice chiaro e tondo che queste lettere nascono da una faida interna alla Criminalpol. E infatti in quel periodo c'era uno scontro tra la squadra di De Gennaro e quella di Bruno Contrada. Il "corvo" bisognava cercarlo lì, ma nessuno lo fece. Ma come mai c'è stata la volontà di incastrarla? In quel periodo avevo inchieste scottanti, tra le quali quella su mafia e appalti del comune di Palermo. Era il periodo della famosa primavera, con Leoluca Orlando sindaco. Ma in realtà appurai che i grandi appalti erano ancora in mano a referenti mafiosi. In realtà non era cambiato nulla e Vito Ciancimino ancora contava. Inchieste che l'allora capo della procura di Palermo Pietro Giammanco me le tolse. Ancora non ero stato raggiunto da un avviso di garanzia per il Corvo, ma era bastato un articolo de La Repubblica contro di me - che giorni prima aveva invece avanzato sospetti per il ritorno di Contorno - per sospendermi. Quella sugli appalti fu affidato ad un collega della procura di Palermo che poi fece richiesta di archiviazione. In quel periodo, ad esempio, mi occupai anche della vicenda di Pizzo Sella, sperone di granito che è diventata "la collina del disonore". Scoprii che furono rilasciate dalla giunta comunale guidata da Salvatore Mantione centinaia di concessioni edilizie a Rosa Greco, sorella del boss Michele Greco. Fu una lottizzazione abusiva avvenuta in cambio di favori. Dopo anni uscì fuori che in questa operazione edilizia ci fu l'interessamento della Calcestruzzi di Ravenna del gruppo Gardini-Ferruzzi. In quel periodo chi toccava gli appalti veniva delegittimato oppure moriva. Perché, chi è morto per gli appalti? Sicuramente Paolo Borsellino. Non c'entra nulla la trattativa, perché ne avrebbe parlato e soprattutto denunciato in Procura se avesse appurato una cosa del genere. In realtà è morto per la questione appalti, erano lì tutti gli interessi della mafia. Lui stesso si era incontrato con i Ros per discutere delle indagini relative al dossier. A lei ne ha mai parlato? No, ma ricordo che in una occasione - se non erro ai funerali di Falcone - gli chiesi se l'attentato fosse una strategia di "destabilizzazione". Lui mi rispose di no, ma che è "stabilizzante". Le racconto un'altra circostanza. Quella domenica del 19 luglio Borsellino era passato da mio cognato che vive nella zona di Marina Longa, la località estiva dove Paolo ogni tanto, il fine settimana, andava. Lui sapeva che ci andavo pure io. Purtroppo non ho fatto in tempo a incrociarlo. Quando arrivai, mio cognato mi disse che Borsellino mi aveva cercato, anche con insistenza. Rimango con questa amarezza nel non averlo incrociato, chissà cosa mi avrebbe voluto dire con una certa urgenza. A proposito di magistratura, il caso Palamara le ha sorpresa? Io che provengo dall'esperienza della Procura dei veleni assolutamente no. Ho scritto recentemente nella mailing list dell'Associazione nazionale magistrati che questo sistema uscito ora, in realtà esiste da 30 anni. Ad esempio, tutti gli incarichi direttivi venivano sempre dati agli esponenti di Magistratura Democratica. Non dimentichiamoci di Falcone. Con la sola eccezione di Gian Carlo Caselli, tutta MD votò contro di lui come successore di Antonino Caponnetto alla guida dell'ufficio Istruzione del Tribunale di Palermo. Ma lei pensa che ora ci sia un cambiamento? No. Non c'è la volontà politica di fare un cambiamento radicale del sistema. Ho letto il progetto di riforma e mi pare acqua fresca. D'altronde potrebbe esserci il rischio che Palamara diventi l'unico colpevole, una sorta di capro espiatorio della magistratura e, infatti, la sua linea difensiva mi pare chiara. Ovvero che non è solo lui, ma un sistema generalizzato. IL CORSIVO L'ordine della Dia: Niente pene alternative ai boss

Foto: «FUI ACCUSATO INGIUSTAMENTE, E ASSOLTO DOPO QUATTRO ANNI , DI ESSERE IL "CORVO", PER QUESTO MI TOLSERO INCHIESTE DELICATE SU OMICIDI ECCELLENTI E AFFARI DI COSA NOSTRA»