scarica l'app
MENU
Chiudi
25/07/2020

Il maggior e minor ribasso fanno accantonare l’offerta

ItaliaOggi - ANDREA MASCOLINI

NON VIENE ESCLUSA AUTOMATICAMENTE
Nell'ambito di verifica delle offerte anomale le offerte «tagliate» non sono da considerarsi escluse bensì «accantonate». È quanto ha affermato il Consiglio giustizia amministrativa Regione Sicilia, sezione giurisdizionale, con la pronuncia del 16 luglio 2020, n. 611 16/7/2020 n. 611 con riguardo all'articolo 97, comma 2-bis d.lgs. 50 del 2016 (codice appalti). Il «taglio delle ali» (scarto delle offerte di ribasso maggiore e minore) previsto dal codice, hanno detto i giudici, rientra tra le operazioni prodromiche alla individuazione della soglia di anomalia. Va però rilevato, si legge nella sentenza, che il comma 2 bis non parla di esclusione automatica e diretta delle concorrenti le cui offerte siano collocate nelle ali, ma soltanto di offerte da accantonare («dette offerte sono altresì da accantonare»); non fa quindi riferimento a esclusioni automatiche e dirette delle offerte «collocate nelle ali». Del resto, all'esclusione di una offerta si può ricorrere solo qualora la legge lo preveda espressamente. Ma ciò non è avvenuto e «se il legislatore avesse voluto disporre l'esclusione reale e non fittizia delle offerte estreme, avrebbe dovuto esplicitarlo chiaramente, ma non l'ha fatto, e ciò, verosimilmente, anche per favorire, nei limiti del possibile, un maggiore risparmio per le stazioni appaltanti». Non si tratta di una novità, hanno detto i giudici: la disciplina del cosiddetto taglio delle ali ai fini del calcolo della soglia di anomalia è sempre stata interpretata dal 2006 nel senso che le offerte investite dal taglio delle ali sono solo «provvisoriamente accantonate», e non escluse, potendo essere escluse successivamente solo ove presentino un ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia. Dunque, non viene in gioco una esclusione, automatica e diretta, dell'offerta rientrante nel «taglio delle ali». Il meccanismo del taglio delle ali, così come regolamentato dal citato comma 2 bis, ha carattere fi ttizio e non reale, nel senso che tale operazione è solo virtuale e non comporta «de plano» l'esclusione automatica dalla gara delle imprese che abbiano presentato offerte ricadenti nelle «ali». Esso implica unicamente l'accantonamento temporaneo di dette offerte dal calcolo della soglia di anomalia a fi ni prudenziali, in vista della individuazione della soglia di anomalia medesima. © Riproduzione riservata