scarica l'app
MENU
Chiudi
09/05/2020

Il M5S boccia il nuovo bando per il sostegno alle famiglie

La Gazzetta Del Mezzogiorno

MIGLIONICO «NON È IMPOSSIBILE RIMEDIARE»
L'iniziativa comunale è giudicata discriminatoria
GIACOMO AMATI l MIGLIONICO. È palesemente discriminatorio il nuovo bando del Comune, pubblicato nei giorni scorsi sul sito dell'ente comunale, relativo al sostegno economico rivolto esclusivamente alle famiglie non in possesso dei requisiti previsti nei precedenti bandi "social card" e "buoni spesa". Il giudizio che, senza mezzi termini, ne afferma la bocciatura porta la firma del consigliere comunale di minoranza, Antonio Digioia del M5S. In particolare, Digioia precisa che il «nuovo bando riguardante il bonus, oltre alle comprovate difficoltà economiche conseguenti all'emergenza sanitaria, prevede che le famiglie debbano possedere, alla data della domanda, un reddito mensile pari o inferiore a 900 euro. Il tutto, però, senza tenere in considerazione il numero dei componenti della famiglia ed eventuali spese di mutuo o di affitto a carico». Poi, Digioia osserva: «Una famiglia composta da cinque persone (ad esempio, due adulti e tre figli a carico), con un reddito medio di 950/1000 euro mensile, un mutuo o un affitto di 300 euro e con la comprovata perdita del lavoro da parte di uno dei due coniugi a seguito dell'emergenza coronavirus, si vedrebbe negare, ingiustamente, la partecipazione al bando». Quindi, il consigliere comunale pentastellato precisa: «Con quale coraggio si può ritenere una famiglia nelle condizioni descritte non meritevole di sostegno economico? Bastava seguire il criterio dei parametri indicati dall'Istat per evitare questa palese discriminazione sociale». Conclusione: «Ancora una volta, il gruppo di maggioranza non ha ritenuto opportuno confrontarsi con i consiglieri comunali di minoranza, ma si potrebbe rimediare. Sarebbe sufficiente, con un minimo di buon senso ed umiltà, riconoscere l'errore ed apportare delle modifiche al bando».