scarica l'app
MENU
Chiudi
04/08/2020

Il lobbying

Corriere Adriatico

Le modifiche mirate
del codice appalti
Se è lobbying, è veramente efficace. Si iniziò con l'ingegnere Ivan Cicconi, esperto di contratti pubblici e consulente delle Regioni. All'uscita del codice degli appalti nel 2016 dichiarò, anche in un dibattito pubblico a Fano, che all'ospedale unico non si poteva applicare il project financing perché, secondo la legge, la maggior parte dei ricavi del concessionario deve provenire dal mercato. Ma nel 2017 fu introdotta una modifica che stabilisce che il contratto di partenariato può essere utilizzato per qualunque tipologia di opera pubblica. Nel decreto legge Semplificazioni in vigore dal 17 luglio (che il Parlamento deve convertire entro 60 giorni) una manina ha cambiato il comma 15 dell'articolo 183 ammettendo l'iniziativa privata per i lavori pubblici anche se presenti (al posto di non presenti, ndr) negli strumenti di programmazione approvati. L'iter, comunque, è stato avviato nel vigore della norma precedente.