scarica l'app
MENU
Chiudi
04/02/2020

Il governo M5s-Pd gela l’economia È la frenata più brusca dal 2013

La Verita' - CLAUDIO ANTONELLI

Nell'ultimo trimestre la produzione cala dello 0,3% rispetto ai tre mesi precedenti e la crescita tende a zero II Conte 1 aveva peggiorato il deficit ma creato spinte espansive, ora invece si va dritti verso la recessione Non e 'è da attendersi miglioramenti per il futuro: la manovra 2020 ha spostato le tasse sulle partile Iva e sulle aziende del manifatturiero Le previsioni non erano buone ma i numeri Mat sono anche peggio Per il 2019 si stima per il Pii un aumento dello 0,2% contro lo 0,8% del2018
L'Istat ha dato i numeri. E purtroppo sono peggio di quanto molti analisti si attendevano. L'altro ieri la notizia di un peggioramento del dato sull'occupazione e ieri la situazione preliminare del Pii. L'economia rallenta nell'ultimo trimestre del 2019. Il Pii cala dello 0,3% rispetto alla prima parte del semestre. Siamo di fronte all'inchiodata più brusca dal 2013, anche per il semplice fatto che se spostiamo lo zoom sul tasso tendenziale arriviamo a una crescita nulla. Mentre nel trimestre precedente avevamo un segno positivo dello 0,5%. Se l'economia è andata male nel 2019 non è certo solo colpa del governo. I fattori sono numerosi. Alcuni esogeni e altri invece legati alla precedente gestione, che è quella del Conte uno. Gli effetti di Quota aoo sono stati positivi e hanno comunque permesso minori spese rispetto all'impatto previsto sul deficit. Quota 100 ha generato un discreto ricambio di occupazione, ma non così buono come si era paventato. Al contrario, il reddito di cittadinanza si è rivelato un nuovo ammortizzatore sociale (un costo) e non una leva per creare posti di lavoro (un investimento). Però è innegabile che la manovra del governo giallorosso aveva in sé spinte espansive con una buona tenuta sul rapporto deficit/Pii e un effetto meno buono sul debito strutturale. Motivo per cui l'Ue ha sparato a pallettoni contro il governo, o meglio contro la Lega. Ma questo è il passato. Il dato negativo diffuso ieri dall'Istat deve invece farci rizzare le orecchie per gli enormi rischi che proietta sul futuro. Anche se Bruxelles e Fondo monetario internazionale hanno dedicato alla manovra 2020 parole di elogio (anche se tiepido), la realtà è che la legge di bilancio licenziata dal governo giallorosso è una bomba recessiva. Con la stima diffusa ieri del Pii (espresso in valori concatenati e corretto per il calendario e la stagionalità), si può tracciare anche un primo bilancio, sempre preliminare, per l'intero 2019. La crescita si attesterebbe allo 0,2%, in frenata rispetto al +0,8% del 2018. Il dato però, ricorda IIstat, va utilizzato solo come riferimento in attesa del bilancio finale che arriverà a marzo. Congelando la situazione si potrebbe immaginare che il 2020 si chiuda con il medesimo valore di +0,2%. Purtroppo la stima tiene conto delle dichiarazioni d'intento del Mef e di Palazzo Chigi. Queste però hanno alcuni bachi all'origine. Dal momento che l'obiettivo di deficit è pari al 2,2% (a fronte di un 2,9% reale se fossero scattate le clausole di salvaguardia Iva) sono necessarie tasse per uno 0,7% del Pii. Ben 12 miliardi di euro suddivisi per imposte sui giochi, plastica, strizzate varie e pochissima spending review. Di questo 0,7% purtroppo uno 0,3% va sotto la voce di lotta all'evasione e sappiamo già (lo insegna anche la storia) che il governo dovrà coprire il mancato gettito con altre tasse sulle attività produttive che nei fatti andranno ad ammazzare quel già misero effetto sui consumi che dovrebbe derivare dal taglio del cuneo fiscale. In questo caso la medesima cifra (3 miliardi) sarebbe destinata a infilare tra i 20 e i 100 euro in più in tassa a circa 4 milioni di lavoratori dipendenti. Ricordiamo che il taglio del cuneo praticato da Romano Prodi aveva il doppio delle risorse e in pratica non sollevò in alcun modo il Pii. Messe in fila tutte queste tasse, si capisce quanto la manovra 2020 sarà recessiva e zavorrerà anche quella del 2021. «Il rapporto tra deficit e Pii è vicino al 3% e per questo la manovra sarà restrittiva per 8 miliardi di euro senza considerare i 23,1 miliardi di clausole di salvaguardia», ha dichiarato lo scorso ottobre l'allora capo dell'ufficio studi di Confindustria, Andrea Montanino, che ha concluso: «Non ci sono molte risorse per fare altro». Riportiamo la frase perché Confìndustria non è certo una associazione ostile al governo né al Pd. Purtroppo dallo scorso ottobre la situazione è peggiorata. Per evitare di far crollare il governo per via delle spaccature ideologiche tra Pd e 5 stelle e tra 5 stelle-Pd e Italia viva, quella che era già una brutta manovra è diventata pessima. Sono state alleggerite alcune voci e la pressione fiscale è stata spostata sulle partite Iva e sulla filiere del manifatturiero. Gli incentivi per l'industria sono stati depotenziati e al tempo stesso le parziali riforme del codice degli appalti hanno aggiunto altra burocrazia a quella già esistente. La possibilità di produrre ricchezza, già ai minimi, con questa frammentazione di tasse andrà sottozero. A quel punto sarebbe forse stato meno recessivo alzare l'Iva di una fettina, tagliare più cuneo e non bastonare le partite Iva. L'area dem non sembra però capire (d'altronde c'è sempre da scontare il dna comunista) che se nessuno produce ricchezza non servirà a nulla mettere le patrimoniali. Gli italiani si ritroveranno tutti più poveri e la fase due del governo sarà solo un modo per spingere in là nel tempo l'agonia.

IL PRODOTTO INTERNO LORDO

Variazione congiunturale del Pii, dati in percentuale 0,6 r 2° 3° 4° i r T La curva annuale dai 2010 -2,5 2oT • j .2 4 O : 1 r ^* ' '• ' l " 2011' 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 3° 4° : r 2° 3° 4° trimestre trimestre trimestre trimestre! trimestre trimestre trimestre trimestre trimestre trimestre trimestre trimestre LaVerità 2017 2018 2019