scarica l'app
MENU
Chiudi
05/09/2020

Il direttore del teatro sarà affiancato dalle associazioni I Dem contrari all’organismo consultivo Scade il 1° ottobre il bando per il Chiabrera

Il Secolo XIX - Al. Par.

il casoUn tavolo di confronto, come è stato definito a Palazzo Sisto, a cui si siederanno -stando alle intenzioni del Comune che li inviterà a farne parte- i rappresentanti di tutte le associazioni culturali cittadine per affiancare il nuovo direttore del teatro Chiabrera durante la fase di inserimento nella realtà locale. Non sarà una commissione consultiva, ha spiegato l'assessore alla cultura Doriana Rodino (candidata alle regionali con Forza Italia), ma un organismo più snello e agile, che accompagnerà la fase di transizione con l'appoggio dell'ex direttore Roberto Bosi ora consulente.Un'idea a cui l'assessorato alla cultura sta lavorando da settimane e la cui costituzione è già stata annunciata ai consiglieri di maggioranza. È la mossa che da Palazzo Sisto potrebbe essere intesa come un andare incontro alle tesi e alle richieste del Pd e del manifesto dei 57 intellettuali savonesi (promosso da Felice Rossello, Francesco Ottonello e Marco Ghelardi) sulla necessità di sdoppiare la figura del direttore, scindendo la competenza artistica da quella tecnica-amministrativa e quindi contestando il bando comunale alla ricerca di un'unica figura che accentri le due funzioni. Ma il tavolo-commissione, confermato dall'assessore Rodino che verrà costituito tra circa un mese una volta scaduti i termini del concorso pubblico e individuato il vincitore, è stato bocciato dal capogruppo Pd in consiglio comunale Elisa Di Padova. «Se il bando resta così con una figura unica a occuparsi degli aspetti artistici e amministrativi, eventuali commissioni non risolvono e rischiano di creare un po' un pasticcio di competenze e di coinvolgimento -scrive l'esponente dem per chiarire la bocciatura preventiva dell'organismo- la figura del direttore artistico dovrebbe essere distinta dalla figura amministrativa. Esperti di alta qualità a cui affidare la programmazione artistica e culturale, selezionati per periodi ridotti di tempo a cui affidare e richiedere risultati misurabili sia in termini quantitativi che qualitativi». Il termine di scadenza per la presentazione delle domande scadrà il 1 ottobre. Nel bando per il concorso voluto dall'amministrazione comunale si legge tra i parametri d'ingaggio: «Il profilo "direttore teatro" richiede la gestione amministrativa e finanziaria del centro di costo servizio teatro». È il punto contestato dal Pd. --Al. Par.