scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
26/01/2021

Il Comune di Aosta raddoppia i soldi per il verde pubblico

La Stampa - A. MAN.

Appalto da 300 mila euro IL CASO
L'obiettivo, sostenuto da tutte le forze politiche candidate alle ultime elezioni, è dimenticare per sempre aiuole trasformate in piccole giungle, spazi verdi che di verde hanno solo i pozzetti dell'irrigazione, aree di prato bruciate dal sole, fioriere che non vedono una pianta da quasi dieci anni. Per questo, il primo segnale che la giunta di Gianni Nuti vuole dare è concreto: dalla primavera, raddoppierà lo stanziamento a bilancio per la manutenzione del verde pubblico in città. Lo ha annunciato l'assessore ai Lavori pubblici, Corrado Cometto, in Consiglio comunale, rispondendo a una mozione di Roberta Balbis (Rinascimento) che chiedeva di «procedere con tempestività al monitoraggio puntuale dei parchi e delle aree in capo al Comune di Aosta, calendarizzando i principali interventi di sistemazione dei disagi più importanti» per renderli utilizzabili anche come «sfogo utile alle famiglie» in «questo momento di emergenza sanitaria che costringe molti ad una vita di sostanziale clausura». Gli attuali appalti sono stati prorogati dal 31 dicembre, loro scadenza naturale, al 30 aprile. «Stiamo facendo un monitoraggio puntuale dei parchi, delle aree verdi, delle aiuole e delle fioriere perché utile per il nuovo appalto. Sono state censite le circa 150 aree verdi, i 9 parchi gioco, i 21 chilometri di sentieri e tutte le fioriere sparse in città» ha spiegato Cometto. Che ha illustrato il nuovo appalto: «Sarà biennale e ripetibile, potrà essere esteso fino a quattro anni. Dai 150 mila euro dello scorso appalto si passerà a circa 300 mila, raddoppiando la cifra e se in bilancio avremo ulteriori risorse la cifra si potrà elevare fino a 700 mila euro l'anno». Nel 2012, Aosta spendeva 670 mila euro per la manutenzione del verde; nel 2014 la cifra scese a poco più di 200 mila, con un massiccio ricorso ai lavori di utilità sociale e un piano di «adozioni» private delle aree verdi. © RIPRODUZIONE RISERVATA