scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
26/03/2021

Il Comune cerca soldi per tre maxiprogetti

Il Tirreno

Mura urbane, edilizia sociale e miglioramento della viabilità L'amministrazione partecipa a un bando per 39 milioni programma del ministero
PISTOIA. Sono tre i progetti che il Comune di Pistoia ha presentato per "Pinqua", il bando per l'attuazione del "Programma innovativo nazionale per la qualità dell'abitare" promosso dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Il finanziamento ministeriale richiesto è di 39 milioni, per arrivare ad attuare tre interventi che richiedono un investimento complessivo sulla città di 45 milioni di euro con l'obiettivo di incidere su tre questioni: riqualificare e aumentare la dotazione di alloggi sociali disponibili; migliorare la sicurezza della viabilità cittadina e di conseguenza anche il servizio di trasporto pubblico; consolidare il sistema delle mura urbane. Le tre proposte che concorrono al bando rappresentano un'occasione per recuperare oltre 200 alloggi di edilizia residenziale sociale, rigenerare il tessuto socio-economico della città, incrementare l'accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici, migliorando la coesione sociale e la qualità della vita dei cittadini, senza consumo di nuovo suolo.Il primo progetto parte dalle Fornaci dove è prevista la riqualificazione di 212 alloggi, oltre ai quali si interviene con il recupero di ulteriori 24 abitazioni di proprietà comunale situati in zone diverse, e da lì abbraccia l'intero territorio comunale attraverso interventi che riguardano gli assi viari e la mobilità cittadina. Per quanto riguarda la viabilità, sono previsti interventi su una rete viaria di 50 km, per una superficie di 532.544 mq. Per ogni comparto dei nove assi relativi ai percorsi del trasporto pubblico sono previsti numerosi interventi di riqualificazione urbana che comprendono il risanamento stradale, nuovi parcheggi, pensiline per il trasporto pubblico, attraversamenti pedonali luminosi, nuove panchine, lampade a led in sostituzione delle attuali, il risanamento di marciapiedi.Il progetto sul Parco delle mura urbane comprende il restauro delle mura, la creazione di un parco cittadino, il recupero di sei alloggi di edilizia residenziale pubblica attualmente non occupati, oltre alla palazzina F dell'ex Breda in via Pacinotti e due dei villini Desii. Infine il progetto di recupero dell'area ex Ricciarelli Cerri riguarda la prima periferia sud della città, dove fino alla fine degli anni '90 sorgeva un complesso industriale, oggi proprietà della società Spes. Qui è prevista la demolizione dei fabbricati industriali rimasti e la realizzazione di 32 alloggi di edilizia residenziale pubblica, oltre alle opere di urbanizzazione che prevedono la creazione di parcheggi e di un parco da 4mila metri quadri nella parte centrale del lotto. --